Tipi di insonnia: cause e trattamenti

Tipi di insonnia: cause e trattamenti

Di solito diciamo che soffriamo di insonnia quando abbiamo problemi di sonno.Ma lo sapevi che esistono diversi tipi di insonnia? È davvero così. Non c'è un tipo ma diversi. E ognuno di loro richiede un trattamento diverso. Ci sforzeremo in questo articolo per spiegare i diversi tipi di insonnia e il trattamento raccomandato in ciascun caso.Approfondire.

L'insonnia è uno dei motivi più comuni per la consultazione nelle cure primarie. È anche uno dei sintomi condivisi da quasi tutti i disturbi psicologici.

Come altri problemi comuni nella nostra società (come l'ansia o la depressione),molte persone usano il termine insonnia in modo errato.Ad esempio, avere problemi a dormire per un giorno o due non è l'insonnia. Essere molto stressati e non essere in grado di dormire correttamente non si identificherebbe nemmeno con questo disturbo del sonno. In quest'ultimo caso, sarebbe più il risultato di essere sottoposti a un processo di stress la cui insonnia sarebbe un sintomo.

Come possiamo vedere,alcune specifiche sono essenziali per comprendere questo problema, valutalo e progetta il trattamento. Diamo un'occhiata a ciascuno di questi aspetti di seguito.

Cos'è l'insonnia?

L'insonnia è formalmente definita insonnia primaria, un disturbo del sonno in cui compaiono le seguenti caratteristiche:

  • La persona sperimenta, per almeno quattro settimane, una persistente difficoltà a dormire.
  • La difficoltà può essere avvertita all'inizio del sonno, durante il mantenimento, la finalizzazione o il fatto della sensazione di sonno irrequieto (dormire ma non riposare).
  • Non c'è una causa organica (trauma cranico, demenza, ictus) o causa medico / fisiologica che può spiegare l'insonnia (uso di droghe, droghe, malattie che causano insonnia).
  • Non esiste un disturbo psicologico come ansia o depressione. In tali casi verrebbe diagnosticato un disturbo d'ansia o altri disturbi (con sintomi di insonnia correlati a un altro disturbo mentale del DSM-5).

Quindi ci sono tre tipi di insonnia, a seconda di quando la persona ha difficoltà a dormire:

  • Insonnia di conciliazione o iniziazione
  • Insonnia di mantenimento o sonno frammentato
  • Insonnia tardiva o risveglio precoce

È quindi necessario soddisfare i criteri diagnostici sopra descritti per poter dire che soffriamo di insonnia (in senso stretto).Se abbiamo un altro disturbo o problema che causa l'insonnia, il semplice trattamento del disturbo del sonno non risolverà il problema.Il disturbo principale dovrebbe essere diagnosticato e trattato per porre fine ai problemi di sonno. Ci immergeremo di seguito nei tre tipi di insonnia esistenti.

Insonnia di conciliazione o iniziazione

Questo è il più comune e noto dei tre tipi di insonnia.È l'incapacità di dormire quando andiamo a letto. In altre parole, abbiamo un problema nel trovare il sonno. L'insonnia della conciliazione generalmente conferma la massima "dormiamo come viviamo". In altre parole, se trascorriamo la giornata stressati o preoccupati, è molto difficile per la mente scollegare ed entraremodalità standby.

L'insonnia della conciliazione risponde nella maggior parte dei casi a uno stato di malessere psicologico, responsabile della difficoltà di addormentarsi.Potremmo anche avere problemi ad iniziare a dormire quando i cambiamenti si verificano nel solito programma della nostra routine o in ore di esposizione alla luce solare.

"Finisci ogni giorno prima di iniziare il prossimo e metti un solido muro di sonno in mezzo."
-Ralph Waldo Emerson-

Trattamento dell'insonnia di conciliazione o iniziazione

Il trattamento raccomandato per l'insonnia di conciliazione ha diverse fasi. Ciò che chiamiamo igiene del sonno è fatto prima di tutto. Questo approccio è usato perché spesso la persona acquisisce, con lo sviluppo di insonnia, abitudini che non sono sane e che aggravano ulteriormente la sua situazione. Le prime linee guida sono sviluppare abitudini corrette e rompere l'associazione: andare a letto → non dormire → ansietà precoce non dormire.

Se le linee guida sull'igiene del sonno non sono sufficienti, vengono prescritte tecniche o compiti diversi per rompere l'associazione tra l'ora di andare a dormire e l'incapacità di dormire, così come il disagio che genera.Lo psicologo progetta un compito specifico per ogni caso e ogni persona. Stabilisce anche una serie di obiettivi terapeutici che cercano di generare cambiamenti nella sua vita quotidiana.

È tuttavia necessario ricordare che tutti gli approcci terapeutici che abbiamo citato mirano all'insonnia della conciliazione come problema primario.In altre parole, si tratta di trattamenti e approcci progettati nel caso in cui vengano esclusi altri tipi di insonnia o disturbi psicologici quali ansia, depressione, disturbo ossessivo-compulsivo o disturbo. bipolare.

Inoltre, potrebbe essere necessario ricorrere ai farmaci se la persona non riesce a dormire nonostante l'uso di tecniche psicologiche.Le migliori opzioni per l'insonnia di conciliazione sono gli induttori del sonno non-bezodiazeine.Questi farmaci funzionano rapidamente e per un breve periodo. Non hanno effetti ansiolitici o residui il giorno successivo. Ad esempio, zolpidem, zaleplon o zopiclone.

Il trattamento farmacologico di insonnia dovrebbe sempre essere prescritto e supervisionato da un medico.Quest'ultimo decide quale farmaco è il più appropriato e quanto tempo deve essere assunto.

"Sembra che l'insonnia sia diversa per tutti, proprio come la vita quotidiana e le aspirazioni."
-F. Scott Fitzgerald-

Insonnia di mantenimento o sonno frammentato

È difficile rimanere addormentati tutta la notte in caso di insonnia di mantenimento.In altre parole, la persona è in grado di addormentarsi, ma sperimenta frequenti e prolungati risvegli notturni che tendono a verificarsi soprattutto nel mezzo della notte. Quando ciò accade, le conseguenze negative sono molto visibili. Abbiamo la sensazione di non avere un sonno ristoratore.

essoin tal caso, è essenziale escludere le cause organiche o fisiologiche responsabili del problema.Per esempio, problemi ormonali che fanno svegliare la persona. Il risveglio nel cuore della notte è molto frequente quando c'è una disfunzione della tiroide o, nel caso delle donne, quando conoscono irregolarità nel loro ciclo ormonale.

Trattamento di insonnia di mantenimento o sonno frammentato

Dobbiamo prima affrontare le cause mediche di insonnia di mantenimento o sonno frammentato se li troviamo.Una volta che queste cause sono state controllate o escluse, il trattamento di questo tipo di insonnia coinvolgerà tutte le tecniche utilizzate nell'insonnia conciliante, insieme al trattamento farmacologico.

In questo caso, il farmaco raccomandato sarebbe una benzodiazepina. Si comportano tutta la notte, che è necessarioper mantenere la persona addormentata durante questo periodo.

Non esiste, al momento, alcun trattamento psicologico efficace che consenta una riduzione immediata del numero di risvegli notturni.Il lavoro di uno psicologo è tuttavia fondamentale in questo tipo di casi.

La maggior parte delle persone che soffrono di insonnia di mantenimento o di sonno frammentato hanno anche problemi psicologici come disturbi d'ansia o disturbi depressivi maggiori.La prima cosa che viene quindi cercata a breve termine è che la persona riesca a dormire bene, in modo che possa quindi lavorare, attraverso la psicoterapia, tutti gli aspetti psicologici che sono la causa di questo tipo di insonnia.

Insonnia tardiva o risveglio precoce

Nell'ultimo tipo di insonnia, la persona è in grado di addormentarsi e non svegliarsi durante la notte. Non riesce a dormire tutte le ore di cui ha bisogno.Ad esempio, abbiamo messo la sveglia alle 7:00 e ci siamo svegliati alle 5:00 senza poter tornare a dormire. Questo ci rende stanchi per il resto della giornata. Può anche causare una sensazione di ansia o ansia.

Questo tipo di insonnia è in gran parte associato a problemi come la depressione o lo stress sul lavoro. ilLa depressione causa in realtà una serie di cambiamenti nei cicli di sonno che inducono la persona a svegliarsi troppo presto e non riescono a riaddormentarsi.Inoltre, l'esistenza di un grande carico di lavoro spesso causa il risveglio della persona e l'impossibilità di tornare a dormire.

Trattamento dell'insonnia tardiva o del risveglio precoce

Il trattamento di insonnia tardiva consiste diuna combinazione di trattamento farmacologico per evitare che la persona si svegli presto e un trattamento psicologico per gestire le emozioni che causano un risveglio precoce.

L'approccio psicologico è simile a quello utilizzato negli altri due tipi di insonnia. Tuttavia, è essenziale qui effettuare un intervento per gestire lo stress e le emozioni legate al risveglio.

È anche molto importante, anche se sembra strano, alzarsi se ci svegliamo presto e non torniamo a dormire.Questo è importante perché l'aumento della fatica è una delle migliori cure per l'insonnia. Anche perché rompiamo l'associazione tra stare a letto e la sensazione di ansia causata dal non essere in grado di dormire.

Mentre in caso di insonnia di conciliazione il trattamento di prima scelta è psicologico, nel caso degli altri due tipi di insonnia (di mantenimento o di ritardo) è consigliabile combinare l'approccio farmacologico e l'approccio psicologico.


Insonnia: fantasmi personali che non ti fanno dormire

"Quando qualcuno vede la propria pace interiore disturbata o non l'ha mai avuta, è esposta a una serie di conseguenze fisiche e … Continua a leggere"
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: