Sindrome da astinenza emotiva: dolore dopo rottura emotiva

Sindrome da astinenza emotiva: dolore dopo rottura emotiva

La sindrome da astinenza emotiva sorge dopo una rottura.Liberarsi da un legame così emotivo non è un compito facile. Inoltre, il dolore psicologico che si sente è di solito devastante per il nostro cervello. Questo processo assomiglia alla sindrome da astinenza che l'esperienza dei tossicodipendenti, una sorta di caos neurochimico molto difficile da superare.

Chi conosce personalmente gli effetti di questa esperienza?Ragazzi, quando sperimentano una rottura per la prima volta. Quando sperimentano il dolore della distanza o la delusione di un rifiuto. Adulti, perché il nostro equilibrio vitale è finalmente inutile quando l'amore scade, quando l'infedeltà viene a giocarci un trucco sporco o quando ci rendiamo semplicemente conto che è necessario porre fine a una relazione senza futuro o troppo doloroso.

"Quando lascio andare quello che sono, divento quello che potrei essere, quando lascio andare quello che ho, ottengo ciò di cui ho bisogno."

-Lao Tseu-

Andarsene quando a qualcuno piace fa ancora male.Abituarsi all'assenza, assumendo la fine definitiva e l'obbligo di ricostruire le nostre vite senza questa persona è qualcosa per cui non siamo preparati. Tuttavia, lo facciamo, e così facendo ci dà forza interna e risorse psicologiche adeguate.

Nonostante tutto,il vero problema è quando qualcuno, invece di girare la pagina, cade nella cerchia dell'ossessione,in un circolo vizioso di nuove opportunità, nel bisogno di contattare la persona, di chiedere l'attenzione, di reclamare un amore impossibile o finito. Stiamo parlando di un profilo caratterizzato da dipendenza emotiva. La sindrome dell'astinenza emotiva immerge questa persona in uno stato di assoluta vulnerabilità e estrema sofferenza.

Sindrome da astinenza emotiva o incapacità di dire addio

Charles ha 30 anni e sono passati sei mesi da quando ha rotto con la sua ragazza.Conosceva Pauline al liceo, a 16 anni. Hanno studiato insieme all'università e successivamente hanno aperto una piccola attività insieme. Gli ultimi anni non sono stati facili: i debiti, una società che non ha mai funzionato e lo scoraggiamento di Pauline per questo progetto che non ha progredito alla fine hanno influito sul loro rapporto.

Anche se Charles ha insistito per continuare ad andare avanti, Pauline ha rotto dopo una conversazione in cui lei ha chiaramente e sinceramente spiegato che no, non ci sarebbero altre opportunità.La loro relazione finì qui.Nonostante tutto, e nonostante le sue spiegazioni, Charles continua a provare a contattarla.Guarda quotidianamente le sue pagine sui social media per scoprire cosa sta facendo e cercare modi per abbinarlo.

Il nostro protagonista non è solo ossessionato dall'idea di subentrare in questa relazione. Ora non è in grado di lavorare o intraprendere alcuna attività. La sua sindrome da astinenza emotiva è così intensa che luiè diventato l'ombra di se stesso, una persona dipendente immersa in un circolo ansioso e depresso.

Vediamo quali funzionalità sono associate a questo tipo di profilo.

Le 5 caratteristiche della sindrome da astinenza emotiva

Se c'è una cosa da tenere a mente, è che quando una relazione affettiva finisce, in generale,tutti noi possiamo soffrire di questa sindrome dell'astinenza emotiva.Tuttavia, è solo una parte del processo di lutto, un passo che dovrebbe motivarci a mettere in atto strategie di confronto intelligenti e utili. Una serie di risorse che ci consentiranno di semplificare il nostro modo di superare questa rottura con maturità.

  • Tuttavia, questa condizione psicologica segnata da stagnazione e sofferenza persistenteè comune tra le persone che hanno una bassa autostima e sono caratterizzate da un'alta dipendenza emotiva dalla coppia.
  • Un altro aspetto caratteristico della sindrome da astinenza emotiva è la mancanza di convinzione sulla fine della relazione. Emerge un chiaro rifiuto.
  • Il comportamento ansioso e ossessivo è un'altra chiave.Queste persone non sono in grado di rispettare il "contatto zero", troveranno sempre una scusa per cercare, contattare, chiamare …
  • Inoltre, e questo è un fatto significativo,le persone non in grado di tollerare il dolore emotivo.Non hanno strumenti per gestirlo, si sentono paralizzati e, di fronte alla sofferenza, reagiscono cercando più opportunità.
  • Infine, non possiamo dimenticare tutta questa sintomatologia complessa, intensa e logorante, che influenza chiaramente la salute della persona: insonnia, perdita di appetito, problemi di concentrazione, disinteresse per la vita, scoraggiamento …

Come affrontare la sindrome da astinenza emotiva?

Charles, il carattere del nostro esempio, ha tutti i tratti psicologici e comportamentali della sindrome da astinenza emotiva. Nel suo caso, ha soprattutto bisogno dell'aiuto di una terapia psicologica professionale e adeguata.Nessuno merita di vivere in un tale stato di vulnerabilitànessuno dovrebbe smettere di amare se stesso fino al punto di rimanere sospeso in un'esistenza priva di significato e in uno stato di sofferenza emotiva così distruttiva.

D'altra parte, se abbiamo raggiunto questo estremo o stiamo affrontando una rottura emotiva, sarebbe bene pensare alle seguenti strategie. Queste chiavi di base devono essere tenute a mente.

  • La sofferenza della sindrome da astinenza emotiva – con intensità e durata limitate – è normale. Tuttavia,è necessario presumere che sia una cosa transitoria,uno stato che deve passare per arrivare a uno stato più equilibrato, centrato e forte.
  • Accetteremo emozioni negativecome tristezza, desolazione, dubbio. Questi sono stati che, prima o poi, si dissiperanno per favorire l'accettazione e la capacità di superare questa prova.
  • Il contatto "zero" è un punto base in questi casi.È essenziale non mantenere il nostro ex compagno nei nostri contatti o sui nostri social network. Questo è il primo passo per disconnettersi dalla sua vita e per evitare di cadere in dinamiche perverse.
  • Fare cambiamenti nelle nostre vite è gratificante.Le cose semplici come fare nuove amicizie o cercare altri hobby saranno di grande aiuto per "liberare le nostre menti" per rompere il ciclo dell'ossessione.

Durante questo processo, non metteremo da parte gli aspetti tanto preziosi quanto la nostra autostima, la nostra dignità, i nostri valori o i nostri obiettivi vitali.Una rottura emotiva non deve mai essere vista come la fine del mondoma piuttosto come la fine di un palcoscenico e l'inizio di qualcosa che sicuramente ci porterà buone sorprese e una versione migliore di noi stessi. Una versione più forte.

"L'amore non rivendica beni, offre libertà".

-Rabindranath Tagore-

Quali sono le fasi del lutto durante una rottura?

La rottura delle coppie e il dolore che ne deriva sono alcuni dei motivi più comuni per la consulenza psicologica degli adulti. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: