Perché gli orientali vedono la pressione come un nemico?

Perché gli orientali vedono la pressione come un nemico?

Per gli orientali, la pressione che ha perottenere qualcosa finisce per allontanare ciò che si desidera. Percepiscono la pressione come un nemico, perché invece di farci agire, finiscono per bloccarci completamente. Questa è una dichiarazione che ha molto senso. Lo vediamo e lo sperimentiamo continuamente.

Pensa, ad esempio, alla preoccupazione generata quando aspettiamo con grande intensità emotiva che qualcosa avvenga. Arriva una certa data, che appare qualcuno con cui formare una coppia, o che si verifica un evento favorevole … Possiamo provare a forzare circostanze, ma in realtà le cose hanno il loro ritmo e fare pressione su di noi non aiuta.


” È bello abituarsi alla fatica e alla corsa, ma non forzare la camminata” 

-Marco Tulio Cicerone-


Quello che succede, tuttavia, è che con la pressione, il livello di ansia aumenta drammaticamente. Un minuto diventa un'ora e un giorno, una settimana. Questo è l'ultimo dei sentimenti che abbiamo.Quindi crea uno stato di carica emotivotaleche, invece di muoversi verso ciò che vogliamo, finiamo per creare le condizioni che ci allontanano da esso.

Fermare forzando, evitare la pressione

Facendo pressione su noi stessi, cercando di forzare le circostanze, finiamo per creare l'effetto opposto.È come navigare e cercare di forzare il mareper produrre grandi onde che ci portano rapidamente alla nostra destinazione.

La vita diventa molto più semplice e gratificante quando lasciamo che segua il suo corso. Uno dei grandi segreti della felicità è aaccettare la realtà così com'è e adattarsi ad essa. Non ha nulla a che fare con il conformismo, ma piuttosto con l'umiltà. Perché si tratta di rinunciare a questo stato egocentrico che ci spinge a cercare di controllare tutto.

Pratica il distacco

Un modo per imparare a evitare la pressione e lasciare che la vita faccia il suo corso è praticare il distacco. Questo non significa che dovremmo essere disinteressati o apatici. Al contrario È un atteggiamento che ci invita ad apprezzare profondamente ciò che è. Quello che abbiamo Cosa facciamo E non ciò che esiste solo nel desiderio.

Ciò che rende le nostre vite più felici e più gratificanti non è avere una moglie, avere un lavoro migliore o più soldi.Ciò che porta alla pace interiore e, quindi, alla sensazione di felicità, è sapere come godersi la vita così com'è.

La pratica del distacco ci aiuta a eliminare questo desiderio di forzare le cose. Questo permette alle cose di svilupparsi in modo naturale e trovare la propria strada.

Coltiva il mondo interiore

È anche necessario coltivare il nostro mondo interiore per imparare a rinunciare alla pressione e praticare il distacco. È importante rinunciare all'ossessione per il successo. Tale atteggiamento di solito porta solo all'ansia e alla frustrazione. Dobbiamo eliminare queste idee che ci portano a credere che solo se raggiungiamo determinati obiettivi esterni possiamo essere buoni con noi stessi.

La vera ricchezza e il vero equilibrio non sono raggiunti da elementi esterni. Il nostro mondo interiore è ciò che plasma il modo in cui sentiamo e vediamo la vita. Se non abbiamo la capacità di apprezzare l'esistenza per quello che è, nessuno o nessun oggetto ce la fornirà.

Mettere la pressione e cercare di forzare le circostanze non è una scelta saggia. E, come affermano gli orientali, questo spesso provoca solo l'effetto opposto. In altre parole, una frustrazione, perché la realtà non si piega ai nostri desideri. Al contrario, dobbiamo imparare ad accettare la realtà e seguire la sua logica naturale.


Paura di perdere il controllo: quando l'ansia pensa per me

Quando l'ansia ci pensa, tutto comincia a diventare fangoso. La paura di perdere il controllo ci coglie perché le nostre emozioni più negative … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: