Non lasciare che l'inaspettato ti paralizzi

Non lasciare che l'inaspettato ti paralizzi

Organizziamo tutte le nostre vite in un ambiente sicuro come se avessimo attivato la modalità autopilota, finché un giorno ci troveremo di fronte a questi eventi imprevisti che ci costringono a uscire dalla nostra zona di comfort. Quindi non abbiamo altra scelta che disabilitare il pilota automatico per prendere da soli gli ordini.

Ma perché stiamo affrontando questi eventi inaspettati? Sono il risultato del caso o arrivano per una ragione specifica?
Queste domande lasciano spazio a riflessioni importanti, che possono permetterci di fare pace con quei periodi della vita in cui tutto sembra crollare intorno a noi.

Come interpretare questi eventi imprevisti?

A seconda del modo in cui guardiamo le nostre situazioni, possiamo, per esempio, vedere gli eventi imprevisti della vita come meri eventi casuali senza alcun significato particolare. In questo caso, il nostro ruolo sarebbe quello di eliminare gli ostacoli che si frappongono al nostro modo di ripristinare l'equilibrio perduto e l'imprevisto sarebbe quindi semplici difficoltà o minacce contro cui sarebbe necessario combattere in un universo ostile.

Possiamo anche vedere gli imprevisti come "maestri" che obbediscono a un piano che è al di là di noi, il cui scopo sarebbe quello di aiutarci a crescere, imparare ed evolvere. Anche se decidiamo di dare uno sguardo casuale e senza senso a questi eventi imprevisti, possiamo anche essere reattivi, senza riflettere sugli eventi che si verificano nella nostra sfera privata, ma lasciando che il nostro ego risponda a modelli automatici di comportamento, come il conflitto. , dramma, preoccupazione, depressione e ansia.

È facile dedurre che questa reattività a sua volta influisce sulle zone reattive delle persone che ci circondano, il che provoca una caotica reazione a catena, che alcune persone chiamanokarma. D'altro canto, se prendessimo uno sguardo significativo sull'imprevisto, non li vedremmo più come intrusi ma piuttosto come visitatori inaspettati ma ben intenzionati, che in un primo momento ci sorprendono e disturbano, anche se nel nostro cuore sappiamo che possiamo fidarci di loro.

Questi sguardi che portiamo hanno un effetto calmante e commovente, perché smettiamo di essere reattivi per calmarci e diventare studenti attenti, desiderosi di conoscere noi stessi e le nostre possibilità di trasformare le situazioni buie in situazioni chiaro e limpido. Per questo, sostituiamo i nostri modelli reattivi con nuove strategie creative, per affrontare gli eventi attraverso l'amore, la pace e l'unione.

Suggerimenti per non rimanere paralizzati dall'inaspettato

La nostra naturale tendenza alla reattività richiede una certa attenzione non immergersi nel melodramma e nel caos, perché in un attimo l'inaspettato può assumere la forma di un incubo.

Ecco alcuni suggerimenti per uscire dall'oscurità dell'inaspettato:

  • Respirare profondamente: è stato ripetuto molte volte, ma è una tecnica che funziona. Grazie al biofeedback, un messaggio calmante viene inviato al cervello e colpisce tutto il nostro corpo. D'altra parte, limita e previene l'impulsività e la reattività che utilizza i nostri schemi di guida automatica per causare problemi.
  • Chiediti qual è il significato di questo imprevisto. Per fare ciò, analizza l'impatto che ha su di te, su quale aspetto della tua vita e per quale motivo.
  • Osserva la tua mente: quale dialogo interno viene attivato di fronte a questa situazione: autocritica? giudizio verso gli altri? la paura? Poi prendi coscienza che i tuoi pensieri e le tue emozioni non sono ancorati alla tua natura, si presentano come piccole nuvole di passaggio che nascondono temporaneamente il sole. Non dimenticare mai di essere la luce, chiudi gli occhi e connettiti a questa luce.
  • Accetta l'imprevisto così com'èsenza reagire passivamente, ma adottando l'atteggiamento di uno studente diligente, disposto a conoscere te stesso e reagire di conseguenza in modo proattivo e sereno.

In tempi di eventi imprevisti, abbiamo il potere di trasformare il mondo semplicemente lasciando splendere la nostra natura, che è luce e saggezza, che serve umilmente questa grande lezione di vita, per il nostro bene personale e altro.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: