Non dire niente: un modo per sostenere l'altro

Non dire niente: un modo per sostenere l'altro

Le parole a volte sono superflue. Quando una persona apre il suo cuore e ci dice qualcosa di importante, spesso è meglio non dire nulla (lei ha solo bisogno di sapere che la stiamo ascoltando). Dobbiamo lasciarle fare delle pause e il suo respiro deve essere in grado di inondare il silenzio causato dalla storia.In questo caso, non dire nulla può confortarla. Molto più di una semplice e insignificante osservazione che non sarebbe di nessun aiuto per lui.

Meditate questo.Perché uno sguardo, un gesto, un sorriso o un segno di tenerezza ci confortano ancor più di un "ti sostengo", "sono qui" o "puoi contare su di me"?Queste piccole parole non costituiscono frasi vuote o banali. Contengono un grande senso emotivo. Di conseguenza, non possono essere facilmente sostituiti da un linguaggio non verbale. Quindi, quando non sta dicendo nulla, il modo migliore per mostrare il supporto per gli altri?

Dire niente può essere un modo di sostenere l'altro emotivamente.
suddividere

Le risposte forzate sottolineano solo il valore del silenzio

Tradizionalmente, i suoni sono sempre stati sinonimo di urgenza: il pianto di un bambino, una sirena da ambulanza, un rombo, un grido di dolore … Questi rumori sono tutti un segnale di allarme.È quindi ragionevole pensare di allertare il nostro cervello e renderci consapevoli di questa urgenza.

D'altra parte, i fiori che crescono, lo sviluppo psico-evolutivo delle persone e molti modi per mettere in pratica la creatività di solito avvengono nella massima discrezione. È per questo motivo che, quando non si ha nulla da contribuire o quando nulla di ciò che si può dire migliora il silenzio, è meglio tacere.

"Non interrompere mai il silenzio se non lo vuoi migliorare."

-Ludwig van Beethoven-

Cercare di rimpiazzare questa calma con commenti neutri e vuoti non serve ad alleviare l'imbarazzo causato da questo silenzio, al contrario.Questo può aumentarlo considerevolmente. D'altra parte, è più sicuro rimanere in silenzio quando pensiamo che ciò che diremo possa essere controproducente.

Pertanto, quando qualcuno ci fa una domanda fastidiosa,essere tranquillo potrebbe essere la migliore rispostaSoprattutto se è negativo. Molto spesso, i silenzi dicono più delle parole.

Ascoltare è già un aiuto

Probabilmente hai già sentito il bisogno, una volta arrivato a casa, di "annullare" tutto il peso accumulato durante il giorno.Hai solo un desiderio: che qualcuno ti ascolti.Possa questa persona essere attenta e comprendere il tuo dolore, la frustrazione o il disagio. Non stai cercando nient'altro, vuoi solo liberarti.

A volte, se la persona di fronte a te borbotta, puoi arrabbiarti. Perché non hai bisogno che lei ti dia la sua opinione o critichi quello che hai fatto.Stai solo cercando supporto e consolazione per sentire di non essere solo nelle situazioni della vita.È durante questi piccoli momenti che un silenzio attento è estremamente apprezzato. Più di ogni altra parola.

"Una parola retta può essere efficace, ma nessuna parola è mai stata più efficace del silenzio."

-Mark Twain-

La paura di non dire nulla

In una conversazione, la mancanza di un dialogo fluido può farci sentire a disagio. Questa tensione crea dubbi e arriviamo a chiederci cosa potrebbe pensare l'altro. Si sente bene? C'è un problema? Forse non vuole parlarmi?Abbiamo paura dell'assenza di rumore perché il silenzio ci lascia soli davanti alla nostra coscienza.

In modo che non ci disturbi, dobbiamo imparare ad apprezzarlo. Per sapere che immergendoci nelle sue viscere, possiamo arrivare a conoscerci meglio. Rimanere in silenzio non significa smettere di esistere, pensare o vivere.In realtà, questo silenzio – ben gestito – facilita un incontro con noi stessi.

"La vera amicizia accade quando il silenzio tra due persone sembra comodo."

Erasmus di Rotterdam

Stai attento agli argomenti

Una mancanza di comprensione seguita da un silenzio prolungato può portare a un'atmosfera davvero tesa.Pertanto, se apprezziamo e ci rispettiamo l'un l'altro, e se abbiamo abbastanza autocontrollo per farlo, è meglio essere tranquilli piuttosto che condividere il nostro punto di vista e creare una discussione che non porti nulla di buono. . Fondamentalmente, sappiamo tutti chi è il migliore ad adottare questo comportamento. E argomenti che sono meglio evitare.

Stiamo parlando di quegli argomenti che non hanno trascendenza e quelle persone che tendono ad arrabbiarsi o arrabbiarsi a causa di critiche.Un silenzio, in questo caso, può significare che non siamo d'accordo con ciò che l'altro ci ha detto, pur rivelando che non vogliamo discutere.Quindi, non cadendo in questa tentazione, non diventiamo schiavi delle nostre parole.

Anche se spesso consideriamo adeguata una relazione di amicizia basata sulla conversazione e una costante apertura emotiva, è anche opportuno pensare all'altra parte. Quello in cui il tempo e lo spazio dell'altro sono rispettati.Uno in cui tutti possono godersi i suoi momenti di riflessione e calma.

"La migliore risposta alla rabbia è il silenzio."

Gli amici fanno molto bene alla salute

Spiegheremo tutto su questi amici che meritano il titolo di COMPAGNI DELLA VITA perché sono la nostra fortuna, il nostro grande tesoro … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: