Le bugie sui social network

Le bugie sui social network

Le bugie sui social network, proprio come in altre aree della nostra vita, ci invadono costantemente.In effetti, diversi rami della scienza spiegano l'effetto delle bugie nella comunicazione quotidiana.

Sociologi, antropologi, psicologi, fisici e matematici hanno analizzato, dal loro punto di vista,la funzione delle bugie in questi ambienti e di come essi ci influenzano,oltre a studiare le parti del cervello che sono coinvolte nell'atto di mentire.Approfondiamo questa idea.

Matematica e bugie sui social network

Lo studio condotto da Rafael A. Barrio dell'Istituto di fisica dell'INAM ha rivelato chele bugie sui social network accadono nel solito modo,come in ogni tipo di comunicazione umana.

Questa è una ricerca internazionaleche è stato realizzato attraverso l'applicazione di un modello di opinione dinamico in un'enorme rete telefonica che include la Comunità europea.Ha lo scopo di esaminare il ruolo delle bugie sui social network.

Le bugie sui social network sono quasi quotidianamente. La novità è che, attraverso un modello matematico, è possibile determinare il motivo per cui stiamo mentendo.
suddividere

L'analisi delle interazioni tra coppie si è sviluppata attraverso l'uso di un sistema organizzato di chiamate a sette milioni di telefoni. Quindi, secondo gli autori: "in questo lavoro, ci concentriamo sul'impatto che ha sulla coerenza e struttura dei social network ".

Lo studio lo sottolineale bugie sono un elemento sostanziale nel mantenere la virtualità delle relazioni tra le persone."Anche se, da bambini, ci è stato insegnato che non dire la verità è una cosa brutta e che dobbiamo agire onestamente, impariamo a mentire, a volte in modo sofisticato." Non smettiamo mai di farlo in tutti i tipi di società umana, qualcosa che fanno altri primati come gli scimpanzé ", ha detto Barrio.

Tipi di bugie sulle reti

Nel loro articoloEffetti su inganno nei social network,gli autori di questo studio ci informano dell'esistenza di due tipi di menzogne ​​sui social network:

  • Bugie bianche o prosociali
  • Bugie nere o antisociali
Gli studi negli Stati Uniti rivelano che durante una conversazione di mezz'ora si può mentire fino a nove volte.
suddividere

Le bugie bianche hanno una connotazione positiva e innocente, mentre le bugie nere hanno una connotazione dannosa e offensiva.I primi sono normalmente rilasciati per una buona ragione e non influenzano negativamente l'individuo. D'altra parte, questi ultimi sono pronunciati con uno scopo perverso al fine di danneggiare il ricevitore e di essere vantaggioso per il trasmettitore.

Tra i risultati, pubblicati sulla rivistaAtti della Royal Society B.,gli scienziati hanno scoperto che:

  • Si trova sui social network, bianco o prosociale, equilibrio, unire la società,offrire una varietà di opinioni al collettivo virtuale e aiutare a mantenere ampi rapporti sociali
  • D'altro canto,bugie nere o antisociali-onisti e utili a colui che li emette- fratturare i collegamenti, promuovere la sfiducia e sono dannosi perché distruggono la rete rompendo i collegamenti. Le persone si sentono tradite

"Una bugia è una bugia, non importa quante volte è ripetuta."

-Alfredo Vela-

Cosa ci porta a mentire sui social network?

La grande invenzione dei primati è la socievolezza e, con essa, l'inganno.Il nostro cervello può gestire più relazioni tra pari con bugie. Se una persona fosse onesta per tutto il tempo, le sue connessioni sarebbero state inferiori. È come una tecnica che usiamo per connetterci con più persone allo stesso tempo.

Più tempo passa e più la rete si conforma alla sua struttura di comunità equilibrata. Le persone non mentono meno, ma di più. Anche se è vero cheil numero delle bugie antisociali tende a scomparire,mentre le menzogne ​​prosociali aumentano singolarmente.

Questo effetto è quantitativamente coerente con gli studi nelle scuole.Più bambini crescono, più bugie dicono.Nel più giovane, ci sono molte bugie antisociali che scompaiono man mano che crescono. Ma, allo stesso tempo, le menzogne ​​prosociali stanno aumentando.

"Non c'è nulla di sbagliato nel raccontare una brutta menzogna quando difendiamo una buona verità".

-Jacinto Benavente-

Mento, ma non mi isolo

Le persone totalmente oneste corrono il rischio di essere isolateperché quelli che parlano solo la verità possono ferire i più sensibili. Queste persone sono caratterizzate da un certo ritiro e un basso numero di amici.Hanno l'abitudine di dire quello che pensano, senza temere l'opinione degli altri su questo commento che, in generale, è disapprovato o inappropriato per molti. Pertanto, essere onesti non è sempre l'ideale da un punto di vista sociale. Tuttavia, queste persone ricevono il rispetto e la fiducia degli altri. L'onestà rimane quindi una virtù.

Non possiamo dire che gli uomini siano bugiardi. Diciamo che usiamo la menzogna in un momento specifico, a seconda delle circostanze.La ragione per cui mentiamo è perché siamo immersi in una società.Interagiamo costantemente con gruppi di persone e vogliamo sfruttarli al massimo socialmente ed emotivamente.

Ci sono molte cose buone dietro questa nuova forma di comunicazione umana, e altre che non sono così positive. Il punto peggiore dei social network è questosiamo così disconnessi da noi stessi che la nostra storia può essere raccontata in modo falsoe non da esperienze reali. Queste esperienze sono ciò che dà valore ai nostri ricordi.

Zygmunt Bauman: Facebook e la trappola dei social network

Il pensiero interessante e incisivo di Zygmunt Bauman, sociologo polacco, su Facebook e sui social in generale. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: