Le 5 migliori frasi di consapevolezza

Le 5 migliori frasi di consapevolezza

Le frasi di consapevolezza provengono principalmente dal buddismo, poiché questo concetto deriva direttamente da questa dottrina filosofica e religiosa. La consapevolezza è anche conosciuta come "giusta attenzione" o "pura coscienza".

La consapevolezza è definita come uno stato spirituale di assoluta concentrazione nel presente. Implica una concentrazione di tutti i sensi verso la realtà ed è il frutto della meditazione. In realtà, ciò presuppone una connessione con il silenzio e quindi con l'interno di se stessi da uno stato cosciente.

"Sii la testimonianza dei tuoi pensieri".

-Bouddha-

Le frasi di consapevolezza sostengono di spiegare le modalità di questo particolare stato. Il loro obiettivo è principalmente didattico perché è un concetto complicato che comprende davvero solo quando viene vissuto. In un certo senso, le affermazioni dei grandi maestri aiutano a chiarire l'argomento.

1. L'abbandono del pensiero

Osho era un filosofo e mistico molto conosciuto nel mondo. Gli dobbiamo molte buone frasi di consapevolezza. Sebbene sia stato una figura controversa, le sue famose riflessioni hanno dato origine a gran parte della letteratura contemporanea sulla consapevolezza.

Questo testo di Osho descrive molto bene lo stato di consapevolezza: "I pensieri cominciano a scomparire solo quando siamo coscienti. Non c'è bisogno di combattere. La tua conoscenza è sufficiente per distruggerli. E quando la mente è vuota, il tempio è pronto. E nel cuore del tempio, l'unico dio che vale la pena ammettere è il silenzio. Devi quindi ricordare queste tre parole: rilassamento, discredito, silenzio. E queste tre parole non saranno più parole per te e diventeranno esperienze e la tua vita sarà trasformata. "

2. Una delle frasi del Dalai Lama sulla consapevolezza

Questa è una delle frasi di consapevolezza parlate dallo stesso Dalai Lama. Eccolo: "Per questo, non possiamo contrarre un'assicurazione; la compagnia assicurativa è dentro: autodisciplina, autocoscienza e una chiara comprensione degli svantaggi della rabbia e degli effetti positivi del bene. “

È senza dubbio una frase meravigliosa. Di fatto, il Dalai Lama lo ha pronunciato in un discorso sulla sicurezza e le garanzie nella vita, su come prevedere i disastri e le grandi disgrazie. Il testo ci ricorda che questo dipende in ultima analisi da ciò che abbiamo in noi e non da circostanze esterne. L'ultima parte è di particolare importanza, sottolineando gli effetti negativi della rabbia e gli effetti positivi della bontà.

3. Compassione

La compassione è un altro valore che si trova nel cuore del buddismo. Una buona parte di questa filosofia è dedicata alla cultura della gentilezza e della fraternità. Sono considerate virtù superiori perché comprendono molti altri valori e perché sono il frutto di un lungo e costante lavoro.

Questa frase di Thomas Merton descrive molto bene l'idea della compassione buddista e il suo rapporto con la consapevolezza: "L'intera idea di compassione è basata su a consapevolezza acuta dell'interdipendenza di tutti gli esseri viventi, che sono parte l'uno dell'altro e sono tutti coinvolti l'uno nell'altro. La consapevolezza si basa anche sulla comprensione, l'accettazione e il rispetto di questa reciproca interdipendenza.

Va ricordato che in questa filosofia tutte le forme di vita sono degne : da quello di un insetto semplice, alla vita umana. Quindi, la compassione non si applica solo tra pari, ma anche con qualsiasi forma di vita presente in natura.

4. Atti quotidiani e coscienza

La consapevolezza non si ottiene ritirandosi mentre si medita per diversi anni in un monastero. In ogni caso, possiamo sempre raggiungere questa pienezza, grazie alle più semplici azioni quotidiane. Inoltre, Osho lo dimostra in un testo che include diverse frasi di consapevolezza, che sono piuttosto illustrative.

In effetti, segnala ” Cammina, ma cammina meditando, consapevolmente e respirando, lascia che il tuo respiro diventi una meditazione costante, respiri consapevolmente. Il respiro entra: guardala. Il respiro esce: guardalo. Mangia, ma mangia con piena consapevolezza. Dai un morso, mastica, ma continua a cercare. Lascia che l'osservatore sia presente in ogni momento, qualunque cosa tu stia facendo. "

Questo fatto di stare nel presente e di affilare tutti i sensi per catturare il momento in cui le vite cominciano a sensibilizzare il minimo atto. Questo è ciò che Buddha chiede: essere osservatori permanenti di noi stessi.

5. Coscienza e felicità

La consapevolezza è il risultato dell'osservazione costante, dello sforzo perseverante di mettere da parte pensieri, sentimenti e impulsi, dedicando tutta la nostra volontà alla contemplazione. Nella contemplazione, l'individuo si ritrova con l'universo. Questo incontro genera armonia e felicità.

Osho dice in questo modo: "La coscienza è la più grande alchimia. Ti rende ogni volta più consapevole e scoprirai che la tua vita cambia per migliorare su tutti i possibili punti di vista. Ti porterà grandi soddisfazioni. "

Mentre molti filosofi occidentali vedono la coscienza come una fonte di disgrazia, la filosofia buddista vede tutto il contrarioe. Ciò è dovuto al fatto che la coscienza occidentale si basa sulla ragione, mentre la coscienza orientale trova la sua forza nella spiritualità, nel silenzio e nell'assenza di pensieri.

Tutte queste frasi di consapevolezza ci mostrano che abbiamo ancora molto da imparare dalle filosofie orientali. Esistono altri modi per raggiungere il benessere, diversi dal successo personale. Questi insegnamenti che ci portano luce sono i benvenuti.

Consapevolezza emotiva: cos'è e perché ne abbiamo bisogno?

Scopriamo cos'è la consapevolezza emotiva e impariamo a svilupparla per avere un maggiore controllo della nostra realtà. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: