La teoria di Yin e Yang: la dualità dell'equilibrio

La teoria di Yin e Yang: la dualità dell'equilibrio

La teoria di Yin e Yang ci dice che tutto è costruito attorno a due forze opposte che sono unificate in armonia per promuovere il movimento e, a sua volta, cambiano. Quindi, mentre Yin simboleggia l'oscurità, l'acqua, l'intuitività e la sua capacità di nutrire la vita. Yang è impulso, luce, espansione e fuoco.

Questo concetto ancorato al Taoismo stesso costituisce una meravigliosa cornice di riflessione innegabile. Ora, nel mezzo di questo gioco dialettico suggestivo e concettuale in cui tutto sembra avere il suo opposto e trasformare l'altra parte in un complemento, è un fatto ovvio. Una sfumatura che caratterizza ognuno di noi, questa società moderna, avanzata, luminosa e, ovviamente, globalizzata.

La teoria di yin e yang non si limita esclusivamente alla filosofia cinese, ma può essere applicata a tutti i concetti esistenti.

In questo momento, la nostra visione personale è limitata a vedere tutto ciò che ci circonda in termini assoluti e dicotomici. Le persone sono buone o cattive Sei razionale o emotivo. Sei con noi o con te. Se non sei intelligente, sei ignorante. La felicità è l'opposto della tristezza. Se non difendi la verità, preferisci la bugia. A sua volta, abbiamo creato un social network in cui Yang è stressato in quasi tutti gli scenari.

Apprezziamo il razionale emotivo, l'enfasi sulla forza, il dinamismo e il senso di dominio che inquadra molte società patriarcali. Abbiamo dimenticato l'approccio più olistico, che la percezione è in grado di vedere la realtà come un continuum piuttosto che un insieme di forze in cui si deve sempre prevalere sull'altra.

Pensiamoci insieme.

La teoria di Yin e Yang

Conosciamo tutti il ​​classico simbolo di Yin e Yang. Quindi, sebbene questo schema abbia le sue lontane origini nella filosofia cinese, possiamo dire che questa idea, questo concetto ha la sua testimonianza in molte culture. la manifestazione del doppio appare anche nella tradizione indù, egiziana o ebraica, che contrasta giorno e notte, maschile e femminile, terra e cielo. Definisci questa sensazione di armonia dove l'opposto è completato. È a dinamismo e un flusso che dà senso alla vita.

D'altra parte, quello che la teoria Yin e Yang suggerisce è che ognuno di noi che viene in questo mondo "completo". Nel nostro essere la fusione di capacità, qualità e caratteristiche costituisce un insieme vario, immensamente ricco e talvolta persino contraddittorio. Tuttavia, percepiamo un certo numero di caratteristiche che sono molto concrete e assolute. Ad esempio, possiamo considerarci nobile, saggio e benevolo. Tuttavia, dimentichiamo anche che la violenza può accadere nel momento più inaspettato.

Cosa scegliamo di nascondere

Possiamo concepire noi stessi come molto attivi, ma a volte anche la pigrizia ci abbraccia. Possiamo essere felici e disperati lo stesso giorno. Questi esseri sono capaci di amore e odio allo stesso tempo (nella stessa persona). Inoltre, si può condurre una società governata dalla logica e dal ragionamento oggettivo e in qualsiasi momento, svegliarsi e subire cambiamenti. Renditi conto che non è questo il modo e concentrati sulla tua vita in un modo più intuitivo ed emotivo.

Carl Gustav Jung ha passato gran parte della sua vita a studiare questa idea. È uno psicologo svizzero per il quale l'essere umano vive in continua contraddizione. Anche se siamo tutti in questo mondo per finire la nostra educazione, nonostante il contesto o anche il nostro subconscio, scegliamo ciò che non vogliamo nascondere. Perché negare ciò che dobbiamo rifiutare.

Così, per esempio, gli uomini scelgono di nascondere il loro Yin, la parte femminile, più emotiva, sensibile e intuitiva da relegare in un angolo per lucidare lo Yang. In questo aspetto più dinamico, conquistatore, forte ed energico. Jung ha spiegato che tutto ciò che non accettiamo o evitiamo di esplorare. E questo atto, nascondere ciò che non vuoi prendere, genera sofferenza e contraddizioni.

"Accetta il tuo lato oscuro, la comprensione che ti aiuterà a venire alla luce. La conoscenza di entrambi i lati della nostra anima, ci aiuta tutti ad andare avanti nella vita e capire che la perfezione non esiste"

R. Lemieux-Martin

Yin e Yang: il simbolo della trasformazione

La teoria di yin e yang è abitata da sfumature sottili ma interessanti come fonte di ispirazione. Il suo simbolo, la lunghezza d'onda centrale che divide il cerchio, ci ricorda che la vita non è statica. In questo modo, simboleggia l'impulso di energia, la rinascita del cambiamento e l'ultimo bisogno di trasformare, di muoversi verso una crescita costante.

A turno, possiamo anche vedere come al centro di ogni parte c'è un altro cerchio più piccolo e con il colore opposto. Simboleggia il seme del contrario. La teoria di yin e yang ci ricorda che non dovremmo vederci in termini assoluti. Né dovremmo vedere la vita nel classico prisma con cui tutto è bianco o tutto è nero. Nell'essere umano, come nella sua vita, tutto è relativo e tutto può cambiare in un dato momento.

La nostra armonia personale inizia con la nostra capacità di mantenere l'equilibrio tra tutte le forze che si uniscono in noi. Per essere felice, devi sapere come gestire la tristezza. Per amare con la maturità, bisogna amare anche il chiaroscuro dell'altro. Per contribuire al nostro sviluppo come esseri umani, dobbiamo trovare quel punto in cui l'aria emotiva e razionale, uno spazio di auto-conoscenza, accettazione ed espansione.

Cerchiamo di lavorare sulle energie opposte che ancora ci abitano per creare un insieme più armonioso, significativo e soprattutto soddisfacente.

Teoria delle onde su acqua e pietra

Potresti essere una di quelle persone che non sopportano l'ingiustizia e pensano di non poter fare nulla. Se è così, desideriamo … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: