La teoria dell'attaccamento di John Bowlby

La teoria dell'attaccamento di John Bowlby

John Bowlby (1907-1990) era uno psichiatra e uno psicoanalista che pensava che i problemi di salute e comportamento mentale potessero essere correlati alla prima infanzia.La teoria dell'attaccamento di John Bowlby suggerisce che i bambini nascono programmati per connettersi con gli altri. Li aiuterà a sopravvivere.

Bowlby è stato estremamente influenzato dalla teoria etologica in generale, ma soprattutto dallo studio del comportamento guidato da Konrad Lorenz. Negli anni '50, in uno studio con anatre e oche, dimostrò che l'attaccamento era innato. Pertanto, ha un valore di sopravvivenza.

Bowlby credeva che i comportamenti di attaccamento fossero istintivie che erano attivi nei casi in cui non si raggiungeva la prossimità: casi di separazione, insicurezza e paura.

La Teoria dell'attaccamento di John Bowlby afferma che i bambini sono biologicamente programmati per connettersi con gli altri.
suddividere

Comportamenti innati per la sopravvivenza

Bowlby ha anche affermato che la paura degli estranei rappresenta un meccanismo di sopravvivenza significativo, incorporato per sua natura.Secondo lui, i bambini nascono con la tendenza a mostrare certi comportamenti innati (liberatori sociali) che aiutano a garantire la vicinanza e il contatto con la madre o la figura dell'attaccamento.

Durante l'evoluzione della specie umana, i bambini rimasti vicino alla madre sarebbero sopravvissuti per avere i propri figli. Bowlby postulò l'ipotesii bambini e le madri avrebbero sviluppato un bisogno biologico di mantenere i contatti tra loro.

Questi comportamenti di attaccamento inizialmente funzionano come schemi di azione fissi. Tutti hanno la stessa funzione.Il bambino produce comportamenti innati di "liberazione sociale", come il pianto e il sorriso, che stimolano l'attenzione degli adulti.Il fattore determinante dell'attaccamento non è il cibo, ma l'attenzione e la reattività.

Elementi essenziali della teoria dell'attaccamento di John Bowlby

Dopo la seconda guerra mondiale, orfani e bambini senzatetto hanno presentato molte difficoltà. Le Nazioni Unite (ONU) hanno chiesto a John Bowlby di scrivere un testo su questo argomento. Questo testo era intitolato "privazione materna". La teoria dell'attaccamento deriva dalle domande sollevate durante l'elaborazione di questo lavoro.

La teoria dell'attaccamento di John Bowlbyè uno studio interdisciplinare che comprende i campi delle teorie psicologiche, evolutive ed etologiche.Ecco le sue idee principali:

  1. Un bambino ha l'innata necessità di unirsi con una figura di attaccamento principale (monotropia)

Sebbene non abbia respinto altre figure di attaccamento per un bambino,Bowlby pensava che esistesse un legame primario molto più importante di qualsiasi altro (di solito con la madre).

Secondo lui, questo collegamento è qualitativamente diverso da quelli che seguiranno.La relazione con la madre è, in un certo senso, completamente diversa dalle altre relazioni.

Bowlby ha suggerito che la natura della monotropia (attaccamento concettualizzato come legame vitale con una persona) significava una cosa:se la connessione materna non esistesse o se si rompesse, si verificherebbero gravi conseguenze.Questo potrebbe includere la psicopatia senza affetto. La teoria della monotropia di Bowlby lo portò a formulare la sua ipotesi di deprivazione materna.

Il bambino si comporta in un certo modo per stabilire un contatto o una prossimità con il caregiver.Quando sente più eccitazione, questa persona lo percepisce. Piangere, sorridere e locomozione sono esempi di questi comportamenti di segnalazione. Istintivamente, gli adulti rispondono al comportamento dei loro figli dipendenti creando un modello di interazione reciproca.

2. Un bambino deve ricevere un'attenzione continua dalla figura di attaccamento più importante nei primi anni della sua vita

Bowlby ha detto che la maternità è quasi inutile se succede solo dopo due anni e mezzo o tre. Inoltre, per la maggior parte dei bambini, se succede dopo 12 mesi, affrontiamo un periodo critico.

Se l'attaccamento si rompe o si rompe durante il periodo critico di due anni, il bambino avrà conseguenze irreversibili a lungo termine.Questo rischio continua fino all'età di cinque anni.

Bowlby usò il termine privazione materna per riferirsi alla separazione o alla perdita della madre, così come alla mancanza di sviluppo di una figura di attaccamento.
suddividere

L'ipotesi alla base dell'ipotesi della deprivazione materna di Bowlby è quellaLa continua interruzione del legame primario potrebbe portare a difficoltà cognitive, sociali ed emotive a lungo termine.Le implicazioni sono enormi.Ad esempio, se questo è vero, i genitori dovrebbero lasciare il bambino in asilo nido?

Le conseguenze a lungo termine della deprivazione materna possono includere delinquenza, intelligenza ridotta, aumento dell'aggressività, depressione e psicopatia non affetta. La psicopatia senza affetto è l'incapacità di mostrare affetto o empatia nei confronti degli altri. Questi individui agiscono in modo impulsivo, senza pensare alle conseguenze delle loro azioni. Ad esempio, senza mostrare senso di colpa dopo comportamento antisociale.

3. La separazione a breve termine di una figura di attaccamento provoca ansia

L'ansia passa attraverso tre fasi progressive:protesta, disperazione e distacco.

  • protestare:Il bambino piange, urla e si arrabbia quando la figura di attaccamento scompare. Cerca di trattenerla in modo che non se ne vada.
  • la disperazione:Le proteste del bambino iniziano a svanire e sembrano essere più deboli, anche se esistono ancora. Il bambino sembra disinteressato.
  • distacco:Se la separazione continua, il bambino inizierà a interagire con nuove persone. Rifiuterà la persona al suo ritorno e mostrerà segni di rabbia.

4. La relazione di attaccamento del bambino con il tutor principale porta allo sviluppo di un modello di lavoro interno

Il modello di lavoro interno è un quadro cognitivo che include rappresentazioni mentali per comprendere il mondo, il sé e gli altri.L'interazione di una persona con gli altri è guidata dai ricordi e dalle aspettative del suo modello interiore che hanno un'influenza e aiutano a valutare il suo contatto con gli altri.

All'età di tre anni, il modello interno sembra essere trasformato in una parte della personalità di un bambino. Di conseguenza, influenza la comprensione del mondo e le future interazioni con gli altri. Secondo Bowlby,la figura di attaccamento principale funge da prototipo per le relazioni future attraverso il modello di lavoro interno.

La teoria dell'attaccamento di John Bowlby comprende i campi delle teorie psicologiche, evolutive ed etiche.
suddividere

Le madri hanno solo bisogno di prendersi cura dei propri figli quando sono giovani?

Una delle principali critiche che la teoria dell'attaccamento di Bowlby ha ricevuto riguarda l'implicazione diretta che implica. Le madri hanno solo bisogno di prendersi cura dei propri figli quando sono giovani?

Weisner e Gallimore (1977) lo spieganole madri sono tutori esclusivi in ​​una piccolissima parte delle società umane.Infatti, ci sono spesso molte persone coinvolte nella cura dei bambini.

Van Ijzendoorn e Tavecchio (1987) sostengono cheuna rete stabile di adulti può fornire un'adeguata attenzione e questa attenzione può anche avere vantaggisu un sistema in cui una madre deve soddisfare tutti i bisogni di un bambino.

Schaffer (1990) spiegache ci sono prove che i bambini si sviluppano meglio con una madre che è felice nel suo lavorosolo con una madre che è frustrata a stare a casa.

La teoria dell'attaccamento di John Bowlby non invoca quindi l'esclusività di una madre nell'educazione dei giovani.Durante la prima fase della vita, tuttavia, è essenziale che esista una figura primaria e offra la cura e l'attenzione necessarie al bambino.Ciò contribuirà a creare un legame che aiuterà il bambino a svilupparsi pienamente.

Attaccamento sicuro: la forza di un legame sano

Una relazione genitore-figlio basata su un allegato sicuro è necessaria per la salute emotiva dei più piccoli. Ma come trasmetterlo se noi … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: