Il tuo cervello ti ringrazierà per questa dieta

Il tuo cervello ti ringrazierà per questa dieta

La più grande connessione tra il nostro corpo e il cibo non si trova nel sistema digestivo ma nel cervello.L'impatto della nostra dieta ha un'influenza diretta su di esso.Da una parte, è responsabile della fame, della sazietà e del desiderio di mangiare, e dall'altra attinge energia dal cibo.

Perché il cervello funzioni in modo ottimale, è necessario alimentarlo correttamente.Quindi, a seconda di ciò che ingeriamo, una serie di processi metabolici si verificherà e trasformerà questi nutrienti in carburante per le nostre menti.

Da dove viene il cervello a prendere energia?

Il cervello non si ferma. È continuamente attivo e funziona continuamente, anche quando non ne siamo consapevoli. Ecco perché la nutrizione è importante:l'unico modo per dare energia al nostro cervello è mangiare cibi diversi e vari.

Tra tutti gli alimenti, i carboidrati rappresentano la varietà nutrizionale che consente al cervello di svolgere la sua attività nel modo più efficiente. E, tra i diversi carboidrati,lo zucchero, o saccarosio, è il garante della funzione cerebrale ottimale.

Lo zucchero è solubile in acqua e facilmente digerito dal corpo. A livello chimico, è un disaccaride formato da due molecole: glucosio e fruttosio. Questo è il motivo per cui sono generalmente considerati i due principali tipi di zucchero.

Tuttavia,glucosio e fruttosio hanno effetti antagonisti sul nostro cervello.Mentre la prima molecola attiva il segnale di sazietà, il fruttosio fa il lavoro opposto, quello di attivare le vie cerebrali che aumentano il nostro interesse per il cibo. Uno calma e l'altro stimola il desiderio di continuare a mangiare. Curioso, non è vero?

Il glucosio è il cibo preferito del cervello

Tra questi due tipi di zucchero,il corpo ha un favorito: il glucosio.È il "menu preferito" delle cellule del nostro corpo e la principale fonte energetica del cervello. Questo zucchero è indispensabile per lui.

Infatti, anche se il peso di questo organo rappresenta solo il 2% del corpo totale, richiede quasi un quinto del glucosio totale che circola nei capillari. Inoltre, il cervellochiede una quantità di sangue dieci volte superiore a quella del tessuto muscolare.Infatti, a differenza dei muscoli e di altri organi, il cervello non può immagazzinare il glucosio per un uso successivo.

A ciò va aggiunto il seguente handicap: le sue cellule non sono in grado di trasformare grassi e proteine ​​in glucosio,può usare solo il glucosio che passa attraverso l'ingestione giornaliera giornaliera di zucchero.

Questo potrebbe farci capire che mangiare è una decisione che ci condiziona più di una buona digestione. Ecco alcuni cibi ricchi di glucosio: verdure (carote, barbabietole), latticini, cereali (mais, semola di grano, riso integrale) o pane bianco.

Nocivo quando c'è troppo o quando non ce n'è abbastanza

Attenzione! Il fatto che questo monosaccaride consenta un adeguato funzionamento del cervellonon significa che dobbiamo mangiare dolci, cibi lavorati o dolci.Ti ricordiamo che lo zucchero è naturalmente presente nei pasti che consumiamo quotidianamente e che questa quantità è sufficiente per noi.

Livelli troppo alti o bassi di glucosio impediscono il normale funzionamento del corpo.Se la concentrazione ematica è bassa, come nel caso di diete troppo restrittive, la nostra memoria, concentrazione o capacità di apprendimento possono essere compromesse. Se è troppo alto, possono comparire malattie croniche come l'epilessia.

Altri alimenti che promuovono il funzionamento del nostro cervello

L'amido è un altro tipo di carboidrato formato da molecole di glucosio ed è molto utile per una corretta funzione cerebrale. È quindi necessario trovare, nel nostro cibo, cibi comepatate, riso o pasta.

Le proteine ​​sono essenziali per la produzione di neurotrasmettitori(responsabile di assicurare il flusso di informazioni tra il cervello e il resto del corpo). Ad esempio quelli contenuti nei pesci blu (tonno, sardine, salmone), carne o uova.

I frutti secchi favoriscono la circolazione sanguigna e l'arrivo di ossigeno in tutte le parti del corpo.D'altra parte, noci, mandorle o uvetta hanno una funzione antiossidante e anti-infiammatoria a causa del loro alto contenuto di acidi grassi omega 3, vitamine e minerali.

In che modo gli alimenti si trasformano in energia per il cervello?

Quando mangiamo, gli enzimi che sono nel nostro sistema digestivo sono responsabili della scomposizione di un alimento in più parti.I carboidrati vengono scomposti in zuccheri semplici, le proteine ​​si dividono in amminoacidi e grassi in acidi grassi.

Questi composti viaggiano attraverso il flusso sanguigno, verso le diverse cellule che costituiscono il corpo umano. Alcuni, come il glucosio, vanno direttamente nei vasi sanguigni del cervello. Altri, come gli acidi grassi, sono elementi strutturali delle membrane cellulari.

Abitudini dannose per una buona funzionalità cerebrale

Non mangiare la colazione garantisce una riduzione del contributo nutrizionale al cervello e ne danneggia il funzionamento sin dal mattino. Allo stesso modo,consumare troppo (o non abbastanza) zuccheri subito influenza il proprio potenziale.

La mancanza di attività fisica, dormire male, fumare o consumare alcol e altre sostanze può persino modificare la struttura del cervello a causa dei gravi effetti che avrà sul sistema nervoso centrale.La mancanza di amici, le reazioni violente e lo stress influenzano anche la capacità mentale.

Non diventiamo più o meno intelligenti in base alla nostra dieta, ma influenza le prestazioni e l'efficacia dei processi mentali che facciamo quotidianamente. Sebbene il glucosio sia il fondamento, il modo migliore per garantire che il nostro cervello sia completamente nutrito è quello di avere una dieta sana ed equilibrata.

Introducendo piccoli cambiamenti nella nostra dieta, è possibile ottenere risultati sorprendenti nei normali compiti come calcolo, ragionamento o memorizzazione. Perché non provare?

Il legame tra stress e cattiva alimentazione

Nel seguente articolo, spiegheremo quali sono le abitudini alimentari insalubri che adottiamo quando siamo sotto stress. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: