Il complesso di Aristotele, o la tendenza a sentirsi meglio degli altri

Il complesso di Aristotele, o la tendenza a sentirsi meglio degli altri

Il complesso aristotelico non è un disordine definito nel campo della psicologia o della psichiatria. È più simileun insieme di funzionalità cheilculturapopolarmente definito come complesso informalmente. Fondamentalmente, corrisponde a persone che credono di avere sempre ragione.

La parolail complesso viene dalla radice latinacomplexus. Si riferisce a qualcosa che è composto da diversi elementi. Analogamente, in psicologia, è descritto come complesso una condizione in cui diversi tratti di personalità sono simultaneamente presenti e causando disagio a un individuo.

” Non lo trovi strano quando qualcuno ha foto di se stesso ovunque? È come se stessero cercando di dimostrare che esistevano. “

-Candace Bushnell-

La caratteristica principale di un complesso è che sono incoscienti. La persona non si rende conto che lei li presenta. E se lei lo nota, lei dà loro un'interpretazione diversa. Si pensa, ad esempio, è normale essere così, o lei ha motivi ragionevoli e oggettivi per tale è. Vediamo sotto quale è esattamente il complesso di Aristotele.

Aristotele, un testardo filosofo

Aristotele è senza dubbio uno dei più grandi filosofi di tutti i tempi. Visse tra il 384-322 aC, durante l'antica Grecia.Le sue idee e la sua dottrina sono così importanti che anche oggi hanno una grande influenza sulla filosofia e le scienze umane e biologiche.

Aristotele era un allievo di Platone, altri grandi filosofi greci, padre della metafisica. Ha seguito il suo insegnante ovunque andasse. Era un brillante apprendista. Platone ha sempre avuto un grande rispetto per lui finché le cose non hanno cominciato a cambiare.

Aristotele si allontanò gradualmente dal suo maestro mentre sviluppava la sua stessa dottrinafilosofico e guadagnato notorietà. Ma non è tutto. Aristotele anche iniziato ad allontanarsi dai suoi insegnamenti, qualcosa che Platone non ha mai percepito con sospetto.

Ha detto nel tempo che l'approccio di Platone era infondato.Molti hanno messo in dubbio questo atteggiamento di Aristotele. Fu un atto di slealtà e arroganza. Non era così male, ma il filosofo ha mantenuto quella reputazione.

Il complesso di Aristotele

Sulla base di questi episodi della storia antica, alcuni hanno iniziato a parlare del complesso di Aristotele.Attribuiscono questo soprannome a tutti quelli che credono di essere migliori degli altri e pensano di avere sempre ragione. Si differenziano il complesso di superiorità, perché è più legata alle emozioni e l'immagine, mentre il complesso Aristotele è di natura intellettuale.

Coloro che presentano il complesso di Aristotele sono ossessionati dal trascendere gli altri intellettualmente. Tessono di lunghe controversie, senza altro scopo che quello di dimostrare che sono più intelligenti, più esperti e istruiti rispetto ad altri. Hanno sempre messo alla prova le loro convinzioni sollevando polemiche, se possibile in modo pubblico.

Ovviamente, colui che presenta il complesso di Aristotele pensa ancora che abbia ragione. Tuttavia, non è la cosa più importante per lui. Ciò che più lo interessa è imporre il suo punto di vista sugli altri. Invita gli altri a vederlo come qualcuno particolarmente intelligente.

Complessi che non portano a nulla di buono

Una specie di adolescenza insuperata è presente nel complesso di Aristotele. Infatti, è a quell'età in cui è fondamentale per un bambino di mettere le sue idee alla prova e, soprattutto, di confrontarsi o dare prova di bassa validità del pensiero, in primo luogo, le figure di autorità. Questo processo, a volte molto fastidioso per gli adulti, è un modo per i giovani di costruire e riaffermare la propria identità.

Alla fine, una profonda insicurezza prevale nell'adolescente, come in quelli che presentano il complesso di Aristotele. Il desiderio di avere ragione a tutti i costi e di imporre le proprie opinioni sugli altri è solo un segno di dubbio. Vogliono imporre altri modi di vedere la realtà perché li temono. Assumono di mettere in pericolo la propria prospettiva, che trovano intollerabile.

Il complesso di Aristotele è un problema di autostima, o se preferiamo, di narcisismo.Il valore e l'importanza di se stessi sono sovradimensionati, solo per lo scopo inconscio di bilanciare un sentimento di inutilità. Come quegli animali che diventano più grandi per sembrare più intimidatori quando si sentono in pericolo. Comunque sia, questo narcisismo esagerato genera solo difficoltà nel tempo.


La paura della nostra grandezza (il complesso di Giona)

Abbiamo tutti un modo divertente di metterci in mezzo alle barriere e limitare il nostro potenziale.Ora vediamo cosa si nasconde dietro … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: