Ecco la causa principale delle controversie

Ecco la causa principale delle controversie

Uno che non vuole sentire nulla e non ascolta quello che dicono gli altri. L'altro che grida. Due persone che si accusano a vicenda, senza fare alcun argomento …La causa principale delle controversie è quasi sempre la stessa. Soprattutto se si devia verso insulti e conflitti privi di senso ma pieni di disprezzo e orgoglio. Stiamo parlando, ovviamente, della mancanza di empatia.

Pensa all'ultima volta che abbiamo litigato con qualcuno. La maggior parte del tempo,quando iniziamo queste dinamiche che partono da una differenza, una provocazione o una critica, cerchiamo di imporre la nostra verità. Vogliamo che l'altro prenda il nostro punto di vista. Che è consapevole del suo errore, della sua visione errata o ingiusta delle cose.

Inoltre, appare spesso un altro punto: l'instaurazione di comportamenti difensivi.Stiamo entrando in uno stato in cui i carapaci si aprono e dove la protezione e l'attacco sono ricercati sopra ogni altra cosa.Lo vediamo spesso nelle nostre relazioni, in quelle dispute in cui uno o entrambi i membri iniziano a ferirsi a vicenda e a fare battute … Mentre entrambi si nascondono dietro una posizione vittima.

"Il tuo stato d'animo è il tuo destino."

-Hérodote-

Molte di queste dispute verrebbero risolte prima se mettessimo in pratica la parola magica: empatia. Cercare semplicemente di tenere conto della realtà dell'altro e comprenderlo potrebbe umanizzare molto più i conflitti e renderli ancora più utili. Tuttavia, quasi sempre commettiamo lo stesso errore:ci lasciamo trasportare dalle nostre emozioni. Questo velo ragiona, estingue il buon senso e stabilisce distanze insormontabili.

La causa principale delle dispute è quasi sempre la stessa: la mancanza di empatia.
suddividere

Mancanza di empatia e comprensione, la causa principale degli argomenti

Se tutti abbiamo lo stesso desiderio, è di sentirci capiti.Quando qualcuno mette in discussione alcune cose su di noi, noi critichiamo o confutiamo le nostre "verità", non vediamo una minaccia.Rabbia e rabbia compaiono poco dopo.È un attacco alla nostra omeostasi emotiva e non abbiamo molto tempo per iniziare una discussione.

Se diamo uno sguardo veloce a questa letteratura meno scientifica e più popolare sul tema del conflitto, incontreremo per la prima volta il classico articolo diCome vincere un argomento in 6 passaggioCome uscire vittoriosi e trionfanti da una discussione.Prendiamo i nostri disaccordi e argomenti per i campi di battaglia. Come se dovesse sempre esserci un vincitore e un perdente.È tempo di correggere questa idea.

La causa più comune delle dispute non è che il mondo sia pieno di persone narcisiste. Persone con cui non possiamo mai ragionare, profili desiderosi di nuovi argomenti. Questi profili esistono ma non rappresentano il 100% della popolazione.La causa principale dei nostri conflitti è la nostra mancanza di comprensione reciproca e la mancanza di empatia reale, pratica e utile.

Quando ci capiamo e scopriamo la sua realtà, siamo più inclini a cedere, più aperti a questa reciprocità che ci consente di raggiungere accordi arricchenti.
suddividere

Molti devono pensare che siano solo buone intenzioni. Perché nella vita molte controversie partono da un trigger ingiusto o da un reato reale che deve essere affrontato a tutti i costi. Anche in queste situazioni,è bello mettersi nei panni dell'altra persona per scoprire che potrebbe essere inutile iniziare un combattimento.Questo sarebbe sinonimo di tempo perso.

L'empatia è il miglior punto di partenza per qualsiasi situazione.Vedi, senti e decifra l'altro in modo che tu possa agire di conseguenza.

Come andare d'accordo?

Ora sappiamo che la causa principale delle controversie è l'abuso dell'empatia.Come possiamo metterlo in pratica per evitare queste situazioni e raggiungere un accordo?Ecco alcune strategie.

  • Quando non siamo d'accordo con qualcuno, dobbiamo fare quanto segue:chiediti perché ci sentiamo cosìVediamo cosa c'è dietro questo imbarazzo, questo fastidio causato da una parola o un commento (è un attacco ingiusto o c'è qualcosa di reale in questa critica, qualcosa che non accettiamo?)
  • Una volta definita la nostra realtà emotiva, oltre alla ragione di questo malessere, sarà il momento di fare lo stesso con l'altra persona.Proviamo a metterci nei panni dell'altro e indovinare, capire, scoprire.Questa persona è incerta di se stessa? È per questo che mi attacca? È imbarazzata da qualcosa che ho fatto in passato e mantiene ancora quel rancore dentro di lei? Ha detto / lo fa per paura di perdere me o perché vuole che io reagisca?
  • Il terzo passo è l'impegno. Invece di lasciarci trasportare dalle nostre emozioni, scegli di controllarli e guidali verso una soluzione.Il nostro impegno si concentrerà su un accordo.Non dobbiamo cercare i colpevoli, uscire da vecchie storie o lasciare che le parole sfuggano per intensificare ulteriormente le differenze
La causa principale delle dispute è l'abuso dell'empatia. Sforzarsi di mettersi nei panni dell'altro è importante per risolvere ciò che è successo.
suddividere

Dobbiamo essere in grado di calmare la nostra rabbia o la nostra rabbia. L'altro deve sentire che siamo aperti. Deve essere in grado di provare questa empatia, di visualizzare questo tentativo di comprensione. Il nostro desiderio di raggiungere un accordo deve essere notato.Questo non è facile e richiede tempo. Per non parlare del duro lavoro.Tuttavia, questo sforzo può aiutarci a trarre maggiore beneficio dalle nostre relazioni.

Empatia, il compito difficile e gratificante di mettersi nei panni degli altri

Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: