Cosa succede quando l'orgasmo non accade?

Cosa succede quando l'orgasmo non accade?

Volere e non essere in grado è una sensazione che molte donne vivono durante i loro rapporti sessuali.

Cercare l'orgasmo che non accade o avere sentimenti molto deboli è una difficoltà che molte persone affrontano oggi.

L'orgasmo ha un'importanza indiscutibile nelle relazioni. È la cima della montagna del piacere e anche se godersi il sentiero è importante quanto arrivare alla fine, è piacevole e soddisfacente poter concludere la salita e godere dei panorami che la montagna ci offre.

Il mancato raggiungimento dell'orgasmo non è necessariamente vissuto come un grande dolore.

Spesso viene vissuto come qualcosa di vergognoso, la persona evita di parlarne e si rifiuta di chiedere aiuto. In questo modo, il problema diventa cronico e la soluzione è sempre più complicata da trovare.

Non ho mai avuto un orgasmo

Non aver mai provato questa sensazione esplosiva è una situazione molto più comune di quanto si possa pensare.

Infatti, circa il 10% delle donne non ha mai avuto un orgasmo nelle loro vite e tra il 10% e il 42% ha difficoltà a raggiungerlo.

L'anorgasmia, che è la difficoltà nel raggiungere l'orgasmo, è la disfunzione sessuale più comune nelle donne.

Questa disfunzione sessuale è caratterizzata dall'assenza o dal ritardo dell'orgasmo, o da sentimenti di piacere molto deboli.

Non si tratta di qualcosa di puntuale, ma di qualcosa di prolungato nel tempo, che causa dolore e ansia per chi ne soffre.

"L'anorgasmia è l'assenza o il ritardo dell'orgasmo, dopo un periodo di normale eccitazione, durante un'attività sessuale che è considerata appropriata in termini di stimolazione, intensità e durata."
-Manuale di psicopatologia. Belloch-

Ho un problema?

Le differenze da una donna all'altra, e persino dalla stessa persona, sono sempre considerevoli.

Ci possono essere momenti in cui il piacere è molto più alto e altri in cui è impossibile a causa di stress, pressione e altre cause.

È anche comune che durante il rapporto sessuale, uno non raggiunge l'orgasmo durante la penetrazione vaginale.

La maggior parte delle donne ha bisogno di una stimolazione manuale del clitoride per sentirsi soddisfatta e pochi raggiungono l'orgasmo solo con la stimolazione vaginale.

Il fatto di non avere un orgasmo ogni volta o di non averne uno durante la penetrazione non è una ragione sufficiente per l'anorgasmia.

Questo termine è riservato a difficoltà più generali, quando la persona non è in grado di raggiungere l'orgasmo nonostante una buona stimolazione.

Non arrivare in cima non significa che non ti diverta il viaggio

Soffrire di disturbi orgasmici non implica che non si possa godere il sesso.

Molte donne che non raggiungono l'orgasmo amano il loro sesso e si sentono soddisfatte. Beneficiano del momento e del contatto che la relazione offre loro.

Tendiamo a semplificare la sessualità, ridurre il sesso alla penetrazione e misurare il suo successo alla quantità e all'intensità degli orgasmi ottenuti.

Tuttavia, la sessualità è un mondo molto più ampio in cui entrano in gioco varie pratiche e caratteristiche personali.

L'orgasmo o il rapporto sessuale è solo una parte della sessualità. Sentendo la donna, credendo che l'uomo non debba necessariamente prendere l'iniziativa, le preferenze sessuali, i diritti e le libertà, la relazione affettiva o il piano della vita sono aspetti che fanno parte di ciò che chiama la sessualità.

Una difficoltà, una soluzione

La maggior parte delle cause di anorgasmia sono al 95% psicologiche. Un'educazione molto restrittiva, cattive esperienze sessuali, la cultura in cui siamo cresciuti, la paura di perdere il controllo, la stimolazione impropria o lo stress possono influenzare e aggravare il problema.

Il fatto che la difficoltà abbia spesso un'origine psicologica implica questo ciò che facciamo e ciò che pensiamo gioca un ruolo fondamentale nel modo in cui viviamo il piacere.

È quindi possibile migliorare cambiando il modo in cui percepiamo o agiamo gli uni con gli altri e con noi stessi in queste situazioni di piacere.

La tecnica del puntamento, che consiste nel stimolare manualmente il clitoride durante il coito o l'allenamento masturbatorio, è efficace per questo tipo di difficoltà.

A volte, anche la terapia sessuale o la terapia di coppia possono essere necessarie per ottenere miglioramenti.

Se soffri di questa difficoltà, hai provato a risolverlo da solo e non ci sei riuscito, ricordalouno psicologo o un sessuologo può aiutarti a migliorare i tuoi rapporti sessuali e ad apprezzare al meglio la tua sessualità.

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: