Cosa manca nelle persone che praticano la critica distruttiva?

Cosa manca nelle persone che praticano la critica distruttiva?

Perché ci sono persone che hanno continuamente bisogno di criticare gli altri per sentirsi bene?Quale può essere la motivazione nascosta dietro le critiche distruttive? Cosa manca a queste persone che hanno bisogno di essere riempite con ciò che è fuori? È qui che si trova la chiave della critica.

Uno studio della Wake Forest University ha rilevato che i critici erano in realtà i più sfortunati, oltre ad essere i più a rischio di depressione. Ciò potrebbe anche essere dimostrato da un altro studio recente: questo studio ha rivelato cheesperienze di critica distruttiva, rifiuto e umiliazione sono trattate nella stessa parte del cervello che è responsabile della regolazione della sensazione di dolore.

Pensando bene a questa frase, ce ne rendiamo contoquelli che criticano sono quelli che sono meno soddisfatti della loro vita.Sono persone che hanno bisogno di "sminuire le persone all'esterno per aumentare ciò che sentono dentro", persone che non sono felici dei successi degli altri, persone che preferiscono non aiutare gli altri trovare soluzioni, persone negative, persone vuote e con bassa autostima.

"Una percezione positiva del resto della gente indica soddisfazione per le nostre vite."

-Dustin Wood-

La bassa autostima è la base della critica distruttiva

Ciò che critichiamo in altre persone dice più su noi stessi che sugli altri.Quando parliamo di altre persone, in realtà proiettiamo aspetti di noi stessi esteriormente; coloro che criticano, in questo caso, proiettano aspetti della loro personalità o dei loro comportamenti che non accettano e non vedono in loro ma che notano solo nella persona che li sta affrontando.

Ecco perché le persone sane che godono di una buona stima di sé non realizzano continue critiche: internamente, sono molto calme. Si conoscono e sanno cosa non gli piace di loro. Lavorano con se stessi e non solo con gli estranei. Una buona autostima e una salutare relazione con se stessi determinano il modo in cui ci relazioniamo con gli altri.

Quindi cosa possiamo fare?Ogni volta che vediamo qualcosa negli altri che ci irrita, ci disgusta, ci disturba, dovremmo vedere quale parte di quell'aspetto è in noi.Perché questo ci riguarda? Perché non possiamo sopportarlo? Perché non ci piace stare vicino a questa persona? Queste domande possono aiutarci a conoscere una parte di noi che non conoscevamo.

"Ognuno di noi può solo vedere ciò che ha nel cuore, e chi non trova nulla di buono nei luoghi in cui è andato non potrà mai trovare altro, né qui né altrove".

-Parabole dell'Oasi-

Come possiamo rendere le critiche positive?

Prima di criticare, dovremmo chiederci: il mio commento sarà d'aiuto?Cioè, se porto informazioni, consigli o qualcosa di valido per l'altra persona, è costruttivo o distruttivo? Se non ho intenzione di portare qualcosa, perché dovrei voler rimuovere qualcosa? Un'altra buona domanda per qualsiasi critico dovrebbe essere: sto criticando un aspetto dell'altro o, in effetti, qualcosa che non mi piace di me stesso? Quale parte sto rifiutando di tollerare nel mio comportamento? Cosa c'è in questa critica che, di fatto, mi appartiene?

Infine,prima di criticare, sarebbe perfetto mostrare empatia;prima di fare un commento soggettivo, l'ideale sarebbe il primo a pensare come l'altro perché si costituiscono due punti diversi, con due versioni della storia che possono cambiare completamente. Quale motivo potrebbe averlo spinto ad agire in questo modo? Cosa posso portare personalmente per aiutarlo? In che modo influisce o influenza il mio commento?

I critici, quando vengono da una persona che è interiormente sana, sono critici che portano qualcosa e portano al miglioramento.E, al contrario, quando sono costruiti da un sentimento di rabbia, risentimento, invidia o frustrazione, si trasformano in un punto negativo e, allo stesso tempo, distruttivo.

I tuoi critici sono lo specchio dei tuoi limiti

I limiti e i collegamenti che possiamo incontrare sulla nostra strada sono spesso imposti da noi stessi. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: