Come affrontare l'insoddisfazione cronica?

Come affrontare l'insoddisfazione cronica?

Molte persone non riflettono un livello di soddisfazione della vita commisurato alle loro condizioni di vita. Potremmo dire che hanno i loro bisogni coperti e tuttavia è molto difficile vedere un sorriso disegnato sulla loro faccia. Possiamo quindi parlare di insoddisfazione cronica.

Vivere nella denuncia è uno dei grandi mali, ma anche una delle tentazioni del 21 ° secolo. Di fronte a questa realtà, ci sono due approcci diversi. Uno di loro ci dice che dobbiamo accettare pienamente la nostra situazione. Tutto è nella nostra testa, ci dicono; affrontare l'insoddisfazione cronica è quindi una questione di apprendimento per essere felici con ciò che abbiamo.

L'altro approccio è completamente opposto. Se non sei soddisfatto della tua situazione, cambialoloro ci dicono Imposta un obiettivo, lavora duramente per raggiungerlo e quando lo raggiungi, andrà tutto bene. Ma cosa succede se vi diciamo che la chiave per affrontare l'insoddisfazione cronica è un mix di questi due approcci?

Perché sentiamo insoddisfazione?

Ci siamo sentiti tutti insoddisfatti di qualcosa, a volte. Nessuno ha una vita perfetta. Tuttavia, il problema sorge quando questa sensazione domina la vita di tutti i giorni.

L'insoddisfazione cronica di solito è legata a due cose: non accettare la realtà e non lavorare attivamente per cambiare ciò che non ci piace. Il segreto che molte persone non sanno è che entrambi gli elementi sono fondamentali per sentirsi bene. L'applicazione di solo uno di questi è una ricetta per emozioni dolorose, deprimenti e spiacevoli.

Cosa succede se accetti solo il regalo?

Immagina, da un lato, che stai semplicemente cercando di accettare ciò che ti sta accadendo. Anche se nella tua vita ci sono cose che non ti piacciono affatto, decidi di smettere di preoccuparti di loro. Dopotutto, godersi il presente così com'è è una delle chiavi della felicità.

In questo modo, ti costringi a smettere di preoccuparti di ciò che non ti piace. Se il tuo capo ti tratta male, proteggi l'altra guancia. Se non hai abbastanza risorse per avere figli, rinuncia a averli. Come pensi che ti sentiresti dopo aver fatto questo?

Probabilmente ti sentirai come se non avessi il controllo della tua vita. Ti sentirai come una barca alla deriva, e giustamente. L'accettazione è uno strumento molto potente, ma solo in due modi: come punto di partenza per il cambiamento (se non accetto un problema, sarà difficile per me arrivare al lavoro per risolverlo) e come mezzo per assimilare cosa non puoi cambiare.

D'altra parte, è probabile che ti rassegni a tutto ciò che ti dispiace, facendo una falsa accettazione, alla fine genererà un grande malessere, basato sulla dissonanza cognitiva.

Agire, senza accettare ciò che sta accadendo, la chiave della felicità?

Ora prendi l'esempio opposto. Immagina di odiare la tua situazione attuale e decidere di mettersi al lavoro per cambiarlo. Tuttavia, non accetti di avere parte della responsabilità perché ci sono state molte volte che non sei stato pieno di tatto.

A questo punto, puoi andare al lavoro per fare la differenza. Ma, senza accettare la tua condivisione, è molto più complicato dello sforzo che fai per ottenere l'effetto desiderato. Quindi, la mancanza di onestà verso te stesso ti porterà a prendere decisioni sbagliate, che ti allontaneranno sempre di più da ciò che desideri.

Come affrontare l'insoddisfazione cronica?

Se non sei soddisfatto della tua situazione attuale, la soluzione è combinare le due strategie sopra riportate. Per essere veramente bravo, è anche necessario accettare ciò che ci accade, lavorare attivamente per cambiarlo. Mentre questo può sembrare contraddittorio, un esempio ti aiuterà a capirlo.

Immagina di avere un indice di massa corporea elevato (BMI) e vorresti ridurlo. Inoltre, pensi davvero che saresti più felice se fossi in una forma fisica migliore. Beh, il primo passo è riconoscere, in un sincero dialogo con te stesso, che hai questo desiderio. O che non ce l'hai, se davvero non ce l'hai. In entrambi i casi, negarlo ti aiuterà solo ad adottare strategie che non ti aiuteranno.

D'altro canto, iniziare a dieta ed esercitarsi mentre sei torturato perché hai raggiunto questo punto non ti sarà d'aiuto. Sentirsi a disagio è una roccia contro la propria motivazione. Quindi, se ti ami davvero, cosa dovresti fare?

  • Prima di tutto, accetta che non ti piace il tuo corpo (o sì, se ti piace). Hai un alto indice di massa corporea e vorresti rimanere in forma.
  • Una volta che l'hai riconosciuto, assicurati che la tua situazione attuale non ti definisca. Ciò che conta è ciò che fai per cambiarlo.
  • poi fissare un obiettivo e iniziare a lavorare per raggiungerlo. In questo caso, potresti cambiare le tue abitudini alimentari, ad esempio, o iniziare a fare attività fisica regolarmente. È meglio usare l'aiuto di qualcuno che sa e vuole aiutarti.
  • Durante tutto il processo, osservare oggettivamente ciò che funziona e cambiare ciò che funziona e ciò che non funziona. Inoltre, tieni presente che puoi muoverti lentamente, a volte all'indietro, ma tieni a mente il tuo obiettivo.

Se applichi questi quattro passaggi, l'insoddisfazione cronica scomparirà. Basta ricordare che accettando la situazione e lavorando per cambiarlo sono due passi sullo stesso percorso. È difficile stabilire un piano d'azione intelligente senza prima analizzare e accettare la situazione attuale.

Motivazione nell'educazione

Capire le chiavi della motivazione nell'educazione è permettere agli studenti di sviluppare abilità in pace. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: