Come affrontare i tuoi pensieri negativi?

Come affrontare i tuoi pensieri negativi?

Combattere i nostri pensieri negativi dirige le nostre menti verso di loro, dando loro importanza. E se l'origine, o il mantenimento, dei nostri problemi e del nostro malessere fosse dovuto a quello? Oggi proporremo una soluzione: la metafora dell'autobus.
A volte i pensieri negativi ci invadono come: "Non avrei dovuto comprare una casa con un mutuo così alto", "ho perso tempo a studiare qualcosa che non mi servirà", "non incontrerò mai qualcuno come lei "," Avrei dovuto essere più comprensivo, ero troppo severo "o" Mi sento male da quando gliel'ho detto ".
Combattere i pensieri negativi prendendoli in considerazione è esattamente come pubblicizzarli, perché li alimenta e aumenta il nostro disagio e la nostra ansia. In altre parole, permettiamo loro di acquisire importanza all'interno di noi stessi.
Se qualcuno è stato lasciato dal suo partner, penserà che non troverà mai una persona così bella, e smetterà di uscire, o semplicemente flirtare, non sentirsi solo.
Allo stesso modo, se credi che un esame sarà difficile e che non avrai mai successo, o che il colloquio di lavoro che stai per passare sarà un disastro, ti darai le tue scuse perfette per passare meno tempo e sentirti un po 'più tranquillo.
Sorprendentemente, non abbiamo bisogno di molto per iniziare a preoccuparci di una situazione, e questi pensieri negativi ci invadono rapidamente, influenzando il nostro processo decisionale.

Come affrontare questi pensieri negativi?

Di fronte a un pensiero negativo, puoi iniziare a pensarci, allo scopo di razionalizzare o convertirlo in un pensiero positivo che esprime ciò che desideri.

Puoi anche accettare la presenza di questo pensiero nella tua testa, senza controllarlo, finché non scompare dalla tua mente.

Ognuno fa ciò che desidera, ma non dimenticare di scegliere l'opzione che ti rende più buono e che ti permette di prosperare.

Di fronte a queste tre alternative, le ultime due sono quelle che ci fanno sentire meglio perché ci permettono di andare verso qualcosa che amiamo.

In effetti, il secondo obiettivo è convertire il nostro linguaggio negativo in un obiettivo più positivo, mentre il terzo è semplicemente non prestare più attenzione a questa idea nera.

Per semplificare le cose, parleremo della metafora dell'autobus e dei passeggeri, che ti permetterà di osservare come i nostri pensieri e le nostre emozioni negative possono prendere il controllo della nostra mente, allontanandoci dai nostri piani, dal nostro percorso o addirittura impedendoci di vivere.

La metafora dell'autobus e dei passeggeri

Immagina di essere il conducente di un autobus, pieno di passeggeri. I passeggeri sono pensieri, sentimenti, ricordi e tutto ciò che è parte della tua mente.

L'autobus ha solo una porta d'ingresso, attraverso la quale è impossibile uscire. Alcuni passeggeri sono molto a disagio e hanno un aspetto pericoloso.

Mentre stai guidando l'autobus, alcuni di loro iniziano a minacciarti dicendoti cosa devi fare, dove devi andare e quale strada devi percorrere.

Ti insultano, ti scoraggiano, ti dicono che sei un cattivo guidatore, un fallimento assoluto e che nessuno ti ama.

Ti senti così male, e fai tutto quello che ti chiedono di andare in fondo all'autobus, e stai zitto.

Ma un giorno, sei stanco di queste minacce permanenti, e vuoi buttarle fuori dal bus. Solo tu non puoi, quindi cerchi di litigare con loro e affrontarli.

Senza rendersene conto, la prima cosa che fai è smettere di guidare. D'ora in poi, non avanzerai più. E, inoltre, i passeggeri sono molto forti, ti resistono e non riesci a toglierli dall'autobus. Sei rassegnato, torni al tuo posto e riprendi il viaggio, come ti ordinano.

In questo modo, in modo che non ti infastidiscano e siano silenziosi, continui a fare tutto ciò che ti dicono e segui tutte le istruzioni che ti danno, quindi non devi discutere di nuovo. Fai ciò che ti ordinano, mentre sogni di espellerli dalla tua vita.

Molto rapidamente, senza rendersene conto, non avranno bisogno di dirti "gira a sinistra", perché girerai a sinistra di te stesso, in modo che non si arrabbino e non debbano affrontarli . Velocemente, inizierai a giustificare le loro decisioni, essendo convinti di guidare l'autobus nell'unico modo possibile.

Il potere di questi passeggeri si basa su minacce come: "se non fai quello che ti diciamo, appariremo nella tua vita, e quando ci guarderai, ti sentirai male". Ma, in realtà, questo è tutto ciò che possono fare per te.

Ed è vero che quando appaiono questi passeggeri, i tuoi pensieri e sentimenti sono molto negativi e ti fanno molto male. È per questo che accetti questo mercato e fai ciò che ti chiedono di tacere e vai in fondo all'autobus.

Prendi il controllo dei passeggeri perché, in realtà, hai perso il controllo del bus! Non sono loro a girare la ruota, chi usa l'acceleratore e il freno e non decidono dove fermarsi. L'autista sei tu!

Nella tua mente ci sarà sempre un rumore di fondo, ma puoi decidere quanto lontano vuoi guardare. Sei tu che dai loro il ruolo di un personaggio principale, o chi decide di renderli degli extra.

Immagine di Francisco Peralta e Tim Brown

Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: