Apeirofobia o paura dell'infinito

Apeirofobia o paura dell'infinito

L'apeirofobia o la paura dell'infinito è una fobia molto particolare che pochi conoscono. Tuttavia, prima di spiegare in cosa consisterà, svilupperemo brevemente il concetto di fobia e tutto ciò che implica per comprendere meglio ciò che caratterizza questi problemi.

Una fobia è una paura intensa e irrazionale di determinate situazioni, oggetti, persone o attività che è classificato nel DSM-5 come un disturbo d'ansia. Una delle sue caratteristiche principali è il desiderio di evitare o sfuggire a ciò che si teme, al fine di ridurre i livelli di ansia e disagio sperimentati.

D'altra parte, è importante distinguere tra fobia e paura. Per capire la differenza, bisogna concentrarsi sull'intensità della paura che si prova e sulle conseguenze che ne derivano. Quindi, se una paura inizia a interferire in modo significativo nella vita di una persona, aumentando la sua intensità e causando comportamenti di evitamento o di fuga, parliamo di una fobia.

Sebbene l'aspetto di una fobia non possa essere associato a una causa specifica, è stato collegato a fattori genetici, sociali o di apprendimento. È stata anche collegata a esperienze traumatiche nell'infanzia. Per esempio, se un bambino guarda un documentario sull'assorbimento delle stelle da parte dei buchi neri nell'Universo, può avere molta paura di essere assorbito da solo. Sebbene improbabile, la sensazione di paura che lo invade è immensa e reale.

Cos'è l'apeirofobia?

L'apeirofobia è la paura eccessiva e irrazionale di comprendere il concetto di infinito ed eternità. Questa paura provoca grande disagio e può manifestarsi in qualsiasi momento e luogo del giorno o della notte. È sufficiente avere un pensiero intrusivo sull'infinito per causare un grave problema di ansia.

Così, l'idea di entrare in contatto con l'infinito produce una grande sensazione di vertigine, in cui non viene raggiunto alcun punto di appoggio, che genera una certa sensazione di controllo della situazione. Per questo motivo, l'evitamento di situazioni in cui vi è uno stimolo infinito viene messo in moto : il cielo, il mare, infinite sequenze digitali e attività legate all'introspezione e all'immaginazione legate all'immensità.

Le persone ape- rofobiche spesso cercano di condurre le loro vite nel modo più prevedibile possibile per respingere i loro pensieri ossessivi sull'infinito o sull'universo.

Le cause della apeirofobia

Come tutte le fobie, l'apeirofobia non ha una sola causa. È collegato a fattori genetici, ambientali, sociali e di apprendimento ed è stato quindi inventato con spiegazioni multiple. Ad esempio, Sigmund Freud, neurologo e padre della psicoanalisi, era interessato allo studio delle fobie e ha affermato di aver iniziato in due fasi:

  • Prima fase : si verifica un evento che genera una grande ansia. Allo stesso tempo, la persona che sviluppa la fobia prenderebbe un oggetto dal mondo esterno (ragno, cavallo, macchina, infinito) e lo collegherà al pericolo
  • Seconda fase : la persona avvia la costituzione di tutti i mezzi di difesa per prevenire il contatto con questo pericolo che proviene dall'ambiente

"La paura è una sofferenza che produce l'attesa del male".

-Sigmund Freud-

Un'altra spiegazione più biologica sarebbe la combinazione di ereditarietà, genetica e chimica del cervello. Quindi, unendo questi fattori con le esperienze di vita, la persona può sviluppare qualsiasi fobia specifica, come in questo caso è l'apeirofobia.

Come identificare una reazione fobica?

La reazione fobica viene attivata quando una persona è esposta all'oggetto o alla situazione che è stata associata al pericolo. In realtà, questa reazione può portare ad un attacco di panico. Le caratteristiche più rilevanti della reazione fobica sono:

  • A livello fisiologico : tachicardia, sudorazione, arrossamento, pallore, fastidio gastrico, secchezza delle fauci, difficoltà di respirazione.
  • A livello del motore : voce tremante, espressioni facciali, strani movimenti delle estremità, rigidità, rigidità, evasione immediata o comportamento di volo.
  • A livello cognitivo : interpretazione negativa della situazione, dubbi sulla sua capacità di far fronte alla situazione e di fuggire incolume o paura di morire.

Le caratteristiche della apeirofobia

Le caratteristiche principali della apeirofobia sono:

  • La paura irrazionale ed eccessiva del concetto di infinito ed eternità
  • Rendendosi conto che i concetti di infinito, universo ed eternità sono al di là della loro comprensione e dominazione, c'è un'immagine di ansia che ostacola la concentrazione e l'attività quotidiana.
  • Un grande bisogno di tenere tutto sotto controllo e in perfetto ordine. È un tentativo di evitare di affrontare i concetti di infinito, eternità e immensità dell'universo
  • È riconosciuto come una paura irrazionale ma non può essere controllato
  • C'è una forte predisposizione a condurre una vita il più prevedibile possibile
  • I frequenti incubi di cadere nell'infinito sono comuni
  • L'aspetto di I pensieri intrusivi legati alla paura dell'infinito di solito si verificano quando ci si trova in momenti di introspezione, rilassamento o immaginazione. Di conseguenza, queste situazioni sono spesso evitate


Come fai a sapere se hai l'apeirofobia?

Tutte le fobie sono condizionate dalla presenza di paura di qualcosa di specifico. Tuttavia, la paura che senti deve avere determinate caratteristiche:

  • La paura dell'infinito che si sente non può essere spiegata o ragionata
  • La paura dell'infinito sfugge al controllo volontario
  • La reazione della paura ci porta ad evitare di esporsi a qualsiasi situazione relativa all'infinito
  • La paura dell'infinito persiste nel tempo
  • La paura del concetto di infinito impedisce l'adattamento all'ambiente

Il trattamento dell'epirofobia

Come ogni disturbo fobico, l'apeirofobia dovrebbe essere trattata da specialisti, come psicologi o psichiatri. Sono gli unici che possono decidere il trattamento giusto per ogni caso.

I disturbi fobici sono spesso trattati dalla psicoterapia. È solo nei casi più gravi, dove sono invase molte aree di funzionamento che ostacolano la vita quotidiana, che saranno indicati i trattamenti farmacologici associati alla psicoterapia. Uno psichiatra deve valutare preventivamente il paziente per prescrivere farmaci.

Come possiamo vedere, l'apeirofobia può causare grande disagio al sofferente. Per questo motivo, è importante consultare uno specialista quando inizi a sperimentare sintomi che ti impediscono di condurre una vita tranquilla. L'evitamento e i comportamenti ossessivi consumano un'enorme quantità di energia vitale e possono diventare stressanti e difficilmente adattabili.

"Le emozioni che non esprimiamo non muoiono, sono sepolte vive e tornano più brutte".

-Sigmund Freud-

Le 9 fobie sessuali più comuni

Anche se ti sorprende, esistono le fobie sessuali. Può sembrare strano, ma sono più normali di quello che sembrano. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: