8 strategie per non essere tentati di giudicare gli altri

8 strategie per non essere tentati di giudicare gli altri

Superare la tentazione di giudicare gli altri è un'abitudine molto positiva quando si devono stabilire relazioni personali e professionali sane e costruttive. Per questo, presentiamo qui le ragioni che possono, se non è già il caso, motivare a non giudicare gli altri.

a volte la tentazione di giudicare gli altri senza sapere molto – e pensando di saperlo abbastanza – può essere molto grande. Tuttavia, è meglio non dimenticare che la sensazione avvertita quando siamo dall'altra parte è sgradevole.

Quante volte abbiamo avuto la sensazione che altri si offrissero "il lusso" di parlare di noi senza esserne consapevoli? Quante volte siamo scivolati su questo slittino dove è successo quello che avevamo annunciato (profezia che si autoavvera)?

Strategie per non essere tentati di giudicare gli altri

Per non giudicare gli altri, possiamo seguire 8 strategie:

1. Pensa prima di parlare

Guidarci per ciò che altri ci dicono o per quello che ci dice la nostra intuizione può provocare una tentazione molto importante. Suggeriamo quindi semplicemente di non riempire i silenzi quando non abbiamo l'ispirazione per condividere qualcosa di importante.

Non diventare portavoce di vocio narratori; perché scarterà le informazioni che possono essere un minimo discutibile. La conseguenza immediata di questo è smettere di giudicare gli altri e di spingerli ad adottare lo stesso atteggiamento prudente.

2. Praticare la consapevolezza

La consapevolezza è un'attività che si basa su certe tecniche estratte dal buddismo. In effettiè una filosofia basata sul fatto che la libertà aumenta quando diminuisce la quantità di giudizi, i giudizi che diamo agli altri così come a noi stessi. Questo tipo di atteggiamento può aiutarci a smettere di giudicare gli altri.

3. Ricorda, nessuno è perfetto

Per non giudicare gli altri, è importante avere un alto grado di tolleranza. Altri stanno commettendo errori ma non sono gli unici, anche noi li stiamo commettendo. Fino a che punto abbiamo il diritto di giudicare gli altri, di metterci in una posizione di superiorità? Spesso dimentichiamo i fatti e diventiamo giudici di opinione.

4. Ricorda che ognuno è unico

Tutti pensano e agiscono in modo diverso. Ogni persona è diversa e per questo, ogni persona merita rispetto. Aspetti come cultura, famiglia e amici o educazione ricevuta influenzano la nostra storia e quindi il nostro modo di pensare e di comportarci.

5. Guardate personalmente

Invece di perdere tempo a giudicare gli altri, possiamo dedicare il nostro tempo alla nostra osservazione. In tal modo, faremo un'introspezione per conoscere i nostri difetti in modo da pensare con più profondità. Questo può aiutarci a capire perché pensiamo mentre pensiamo e perché critichiamo i punti di vista di altre persone.

6. D'accordo con te stesso

La nostra tolleranza alla variabilità è molto maggiore quando siamo in uno stato morale positivo. Quindi la tristezza per esempio impone ai nostri occhi un filtro di pessimismo e severità. La rabbia, da parte sua, rafforza la tentazione di esprimere giudizi, con pochi argomenti.

7. Avere una mente più aperta

Essere una persona aperta e tollerante dirà molto di noi. Oltre a mostrare un atteggiamento positivo nei confronti degli altri, faciliterà notevolmente la nostra comunicazione. Inoltre, ci conosceremo meglio, il che può essere molto interessante. Saremo in grado di imparare dal loro modo di essere e di pensare.

8. Sii consapevole che le apparenze sono fuorvianti

Le apparenze sono molto ingannevoli. D'altra parte, la complessità dell'essere umano, la nostra complessità, è molto grande. In questo modo, dietro i nostri comportamenti esistono vari motivi, dietro le nostre azioni (da un punto di vista esterno) ci sono diverse interpretazioni possibili. Un esercizio prudente ci consentirà di riconoscere il ruolo giocato da certi effetti, come l'effetto alone in relazione a la prima impressione che una persona ci fa

Il nostro spirito vive in questa dinamica. Ha bisogno di loro per creare schemi su ciò che ci circonda e per capire come percepire il comportamento degli altri. Parliamo delle dinamiche di giudizio degli altri. È un automatismo che spesso, lungi dall'aiutare, fa male, rovina le persone e le relazioni. In molti casi, quindi, l'attenzione deve essere esercitata e presa con estrema cautela.

La grande trappola di giudicare gli altri

Giudicare gli altri è diventato un'abitudine nella società moderna. Cosa succede se, invece di inventare storie, ci avviciniamo alle persone? Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: