6 atteggiamenti che separano più della distanza

6 atteggiamenti che separano più della distanza

Essere separati fisicamente non è l'unico modo per allontanarsi dalle persone che amiamo. A volte, anche a pochi millimetri l'uno dall'altro, possiamo sentire che le persone intorno a noi mancano. Nelle relazionila connessione non è solo nutrita dalla vicinanza fisica: ha bisogno anche di scambi di affetto, gesti e intenzioni.È quindi importante prestare attenzione a certi atteggiamenti che possono separare piuttosto che unire.

Dovrebbe essere notoquesto tipo di distanza psicologica che possiamo percepire può essere il risultato di difficoltà e problemipersonale o da altre persone. È quindi essenziale chiedersi come stiamo facendo e ottenere maggiori informazioni. Indipendentemente da questo fatto, queste situazioni ci fanno soffrire. Approfondiamo questa idea.

"La cosa più terrificante della distanza è che non sai se ti mancheranno le persone o se ti dimenticheranno"

-Nicholas Sparks-

Cosa ci fa allontanare dagli altri?

Dal momento che siamo esseri con tendenze sociali,solo problemi psicologicipuò farci desiderare di essere lontani dagli altri. Se qualcuno rifiuta costantemente la compagnia degli altri, è perché probabilmente soffre di difficoltà che non realizziamo. Dal punto di vista patologico, la depressione può essere una di queste cause. In questo caso, solo uno specialista può aiutare la persona che soffre.

D'altro canto,ci sono altri atteggiamenti, riflessioni di tratti psicologici, che determinano anche la distanzapersone. Sebbene non costituiscano patologie, questi atteggiamenti influenzano anche il corretto funzionamento delle relazioni interpersonali. Studiamoli in modo più dettagliato.

egocentrismo

Secondo il dizionario, l'egocentrismo è "l'esaltazione esagerata della personalità, al punto da considerarla come il centro dell'attenzione e delle attività generali". Le persone egocentrichetrascurare gli interessi e i desideri degli altri perché li considerano inferiori ai loro.

Pertanto, queste personenon preoccuparti dei problemi degli altri e non concentrarti su di loro.È difficile parlare con gli egocentrici perché negheranno l'esistenza di qualsiasi problema personale. Al contrario, tenderanno a identificare il problema di coloro che parlano loro delle loro preoccupazioni. Questo porterà spesso alla separazione, sia fisicamente che emotivamente.

maltrattamenti

In questo caso,l'atteggiamento tossicomanifestato dall'abusante si riflette direttamente sulla vittima. L'abuso è definito come "trattare male qualcuno, con parole o azioni". Questo si riferisce alle conseguenze psicologiche negative della persona che viene abusata. Vede quanto l'altra sia lontana dall'immagine che ha formato nella sua mente. Quest'ultimo, a sua volta, si allontana psicologicamente dalla persona maltrattata perché luinon tiene conto dei suoi sentimenti,come se fosse un oggetto non importante.

Tuttavia, questo caso è piuttosto speciale. Perché se i comportamenti e gli atteggiamenti del tossicodipendente stabiliscono una distanza dalla vittima, c'è un qualche tipo di manipolazioneche impedisce, il più delle volte, che la separazione abbia luogo.Tuttavia, possiamo dire che questo tipo di relazione è completamente rimosso da una connessione consapevole, emotiva e salutare tra due persone.

disprezzo

Direttamente legato all'abuso, il disprezzo si manifesta in una varietà di modi. Ad esempio,attraverso un sarcasmo eccessivo che, dietro l'umorismo, nasconde l'intenzione di ferire l'altro.Normalmente deriva da una sensazione di superiorità (solitamente intellettuale) di chi disprezza.

In effetti,il disprezzo può essere definito come "disprezzo" o "distacco",vale a dire, una posizione di rimozione nei confronti dell'altro. È quindi uno degli atteggiamenti che separano più della distanza. Trattare gli altri come se uno fosse superiore è una forma di rifiuto.

La menzogna

Questo è uno degli atteggiamenti più comuni e apparentemente innocui che separano più della distanza.Mentire significa nascondere e distorcere la realtà.Indossa una maschera per nascondere qualcosa che per qualche ragione non vogliamo mostrare.

Come ci fidiamo di qualcuno che sta mentendo? Come ci fidiamo se mentiamo? È normale che le bugie ci tengano lontani dagli altri.È un boicottaggio di sincerità che danneggia qualsiasi tentativo di connettersi con gli altri.Mentendo, non permettiamo agli altri di conoscerci.

vittimizzazione

Questo atteggiamento è incredibilmente dannoso per le relazioni. Non solo perché leidiluisce il significato di "vittima",perdendo credibilità alle vere vittime, ma anche perché rifiutiamo agli altri un senso di colpa che non è necessario.

La vittimizzazione è una forma di auto-ingannoe la prova che abbiamo deboli capacità di autoregolamentazione e responsabilità emotiva. Queste persone usano denunce e critiche per sopravvivere, incolpando gli altri per le loro disgrazie o altri sentimenti negativi.

manipolazione

In connessione con il disprezzo e l'abuso, la manipolazione risulta da un presuntosuperiorità intellettuale.I manipolatori sostengono di influenzare gli atteggiamenti degli altri a proprio vantaggio. Ma quando coloro che li circondano diventano consapevoli delle loro pratiche, scoppia un profondo rifiuto.

Come vediamo, tutti questi atteggiamenti che separano più della distanza sono dannosi per il corretto funzionamento delle relazioni interpersonali. Quindi dobbiamo imparare a identificarli se vogliamorelazioni sane e di successo.

Ci sono atteggiamenti che separano più delle distanze stesse

Gli atteggiamenti che scegliamo di adottare sono decisivi nella nostra ricerca della felicità e della nostra convivenza con gli altri. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: