5 frasi sconcertanti di Franz Kafka

5 frasi sconcertanti di Franz Kafka

La maggior parte delle ottime frasi di Franz Kafka sono un vero tributo alla letteratura. Questo scrittore, nato nell'ex impero austro-ungarico, è considerato uno dei più universali della storia. Non per niente è stato eletto romanziere del millennio nell'emisfero occidentale.

Kafka è riuscito a catturare come persona lo spirito dell'uomo contemporaneo. I suoi romanzi e tutti i suoi scritti in generale sono contrassegnati con grande onestà. La sua proverbiale sensibilità rende la sua capacità di osservazione un capolavoroche riflette chiaramente l'anima umana.

"Credendo con passione in qualcosa che non esiste ancora, lo creiamo, e ciò che non esiste è tutto ciò che non abbiamo sufficientemente desiderato."

-Franz Kafka-

Nelle frasi di Franz Kafka, la violenza psicologica, la solitudine e l'angoscia che abitano l'essere umano sono mostrate chiaramente. Al di là del suo valore estetico, che è molto grande, ciò che rende unico questo scrittore è la sua capacità di descrivere sensazioni e realtà. Leggi questo articolo e scopri cinque citazioni di questo grande autore.

1. Il punto da raggiungere

Una delle frasi più interessanti di Franz Kafka dice quanto segue: "Da un certo punto, nessun ritorno è possibile, questo è il punto da raggiungere." In altre parole, il punto che l'essere umano deve raggiungere è il punto di non ritorno.

Questa situazione è chiamata "punto di non ritorno" in cui l'unica alternativa possibile e possibile è andare avanti. Raggiungiamo solo uno di questi punti di non ritorno quando abbiamo giocato e dato tutto per uno scopo particolare. Questa frase è anche una chiamata precisa a questo: giocare a fondo per qualcosa.

2. Don Chisciotte nelle frasi di Franz Kafka

La figura ispiratrice di Don Chisciotte compare anche in una delle frasi di Franz Kafka. In un modo o nell'altro, si riferisce a questo personaggio per esaltarlo. Dice la seguente cosa: "La sfortuna di Don Chisciotte non è la sua immaginazione, ma Sancho Panza".

Come ben sappiamo, Don Chisciotte incarna l'idealismo e il disprezzo per il reale, che considera volgare. D'altra parte, Sancho Panza è la rappresentazione del realismo nella sua espressione più grezza. La frase di Kafka è, quindi, una difesa della capacità di sognare e immaginare.

3. L'origine del dolore

Uno dei temi ricorrenti nel lavoro di Kafka è l'infanzia, lo sviluppo dei bambini e i suoi effetti sulla vita adulta. Una delle sue opere più belle è Lettera al padre. È un testo che descrive, con una toccante accuratezza, ciò che una figura di autorità può produrre sulla sensibilità di un bambino.

Da qui il fatto che una delle frasi più belle di Franz Kafka si riferisca a questo soggetto con impressionante lucidità. Egli riferisce: "Il gesto del dolore dell'uomo è, spesso, solo l'esplosione pietrificata di un bambino ". Qui, Kafka ha un ottimo modo per associare la paura dell'infanzia all'impossibilità di essere felici in un adulto.

4. La passione

Anche se Kafka non era un vero sostenitore dell'ottimismo, una buona parte del suo lavoro è intrisa di quella vitalità che è unica per coloro che amano profondamente la vitacon tutte le sue meraviglie e tutti i suoi problemi

Questo è il motivo per cui non è raro trovare in questo meraviglioso autore una frase come questa, ad esempio: "È importante fare della passione un personaggio." Ciò significa che tutto ciò che ci muove profondamente deve riflettersi in tutta la struttura e nell'espressione del nostro essere.

5. Pazienza e tempo

Questa è una delle frasi più sottili di Franz Kafka. In effetti, dice: "Tutti gli errori umani sono il frutto dell'impazienza: una prematura interruzione di un processo ordinato, un ostacolo artificiale che sorge attorno a una realtà artificiale".

Con questa frase, Kafka significa che ogni realtà ha un processo naturale e che non deve essere alterata dall'impazienza. Interrompendo il normale sviluppo delle cose, raggiungiamo solo l'errore. Intervenire, cioè impedire il libero flusso delle cose, è creare un artificio, una bugia.

Kafka era un burocrate che odiava la burocrazia. Uno scrittore che ha chiesto che i suoi testi vengano distrutti. Un uomo pieno di vitalità, che morì prima del suo 45 ° compleanno. Non è riuscito a sentirsi felice o a sperimentare tutto ciò che la sua letteratura è stata in grado di generare. Questo è, forse, uno dei grandi tesori contenuti nella sua opera.

7 frasi di José Ingenieros sulla mediocrità

José Ingenieros è uno dei più importanti intellettuali argentini del 20esimo secolo. Dai un'occhiata ad alcune delle sue frasi in questo articolo! Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: