4 chiavi per affrontare le crisi esistenziali

4 chiavi per affrontare le crisi esistenziali

Tutti abbiamo dovuto superare, a un certo punto, situazioni complicate.Quelli che ci costringono a fermarci e che possono persino chiudere le porte. Crisi esistenziali che chiamiamo negative perché ci costringono a cambiare, sia nel nostro modo di agire che di pensare. Tuttavia, dovresti sapere che queste crisi possono trasformarsi in opportunità per andare avanti.

Sebbene esistano molti tipi di crisi esistenziali, alcuni sono più comuni di altri.Troviamo, ad esempio, quelli che sono legati a un cambio di scena, come nel caso della transizione dall'infanzia all'adolescenza o dalla gioventù all'età adulta. Per non parlare di quelli che ci riguardano a mezza età e alla fine della nostra vita.

Altre crisi sono legate all'identità.Riguardano la persona che siamo e ciò con cui ci identifichiamo. Infine, ci sono crisi che nascono da una perdita: la morte di una persona cara, una rottura, un divorzio o un licenziamento.

Le crisi sono opportunità di trasformazione,momenti di transizione in cui dobbiamo agire. Ora spiegheremo quattro modi per affrontare queste situazioni al fine di uscire più forti. Scoprili qui sotto.

"L'uomo viene scoperto quando viene misurato con l'ostacolo".

Antoine de Saint-Exupery

1. Gestire ciò che ci accade

Le convulsioni possono iniziare con segnali di allarmecome sentimenti di tristezza e paura, o sintomi di ansia o dolore. Se li ignoriamo, possono crescere, diventare più forti e portare a conseguenze più gravi.

È importante sapere che la nostra storia personale influenza la nostra concezione della crisi.E come lo affronteremo. Ad esempio, se si tratta di una rottura, potrebbe essere che i sentimenti di abbandono emanano a causa di ciò che abbiamo vissuto durante la nostra infanzia.

Inoltre,come risolvere i nostri soliti problemi è anche cruciale.Se siamo abituati ad affogarci in un bicchiere d'acqua, probabilmente ci sentiremo sopraffatti dalla crisi. Ci sarà difficile affrontarlo. È quindi importante pensare a cosa ci sta accadendo per cercare nuove alternative, prendere decisioni e apportare le modifiche necessarie.

La situazione potrebbe anche implicareriformulare i nostri valori e convinzioni e stabilire nuovi obiettivi.Le crisi esistenziali richiedono un esame della nostra persona. Abbiamo bisogno di imparare nuovi modi per affrontare le situazioni. Per rimanere paralizzati è quindi proibito: bisogna agire per continuare ad avanzare.

"Solo una crisi reale o presunta produce un vero cambiamento e, quando accade, le misure adottate dipendono dalle idee allora in vigore".

-Milton Friedman-

2. Le crisi sono temporanee

Le crisi, come tutti i processi, hanno un inizio, uno sviluppo e una fine.Si raccomanda quindi di allenare i nostri pensieri in modo che ricordino che alla fine passerà.

Ma cosa fare quando sentiamo questo dolore?Le crisi nascondono normalmente le opportunità di cambiamento.Possiamo cogliere questa opportunità per imparare nuovi punti di vista e nuovi modi di fare le cose. In effetti, sono un ottimo momento per smettere di ripetere comportamenti che non funzionano più.

Tuttavia, il carattere effimero delle crisi esistenziali è un'arma a doppio taglio.Da un lato, il dolore diminuisce e cambia. Tuttavia, le opportunità che vanno di pari passo con questo dolore scompaiono anche dopo un po '. Il nostro atteggiamento è quindi fondamentale. Crescere dipende solo da noi.

"Nelle grandi crisi, il cuore si spezza o si abbronza".

-Honoré de Balzac-

3. Non guardare indietro

Le soluzioni del passato hanno smesso di funzionare.La situazione precedente, che a nostro avviso era molto migliore, non esiste più.Accettare questo fatto ci aiuterà a gestire meglio le nostre emozioni. Anche se il passato è più confortevole e ci dà una sensazione di sicurezza, prima riconosciamo quello che stiamo affrontando e prima troveremo nuove strategie per superare la situazione.

Aggrapparsi al passato a volte genera una falsa sicurezza. Durante una crisi,dobbiamo affrontare le nostre insicurezze e debolezze.Quindi, invece di usare il passato come scusa, possiamo usarlo come punto di riferimento. Sarà più facile per noi identificare forze e risorse che abbiamo dimenticato.

D'altra parte, non aggrapparsi al passato ci permette di guardare più chiaramente al futuro.Possiamo riflettere e visualizzare il punto che vogliamo raggiungere. Se continuiamo ad essere ossessionati dal nostro passato, il nostro percorso sarà ostacolato e potremmo pensare che il nostro obiettivo sia svanito o che non lo raggiungeremo mai.

Se liberiamo noi stessi dal passato, ci renderemo conto che la crisi è solo una prova momentanea.Guardando al nostro futuro, vedremo che ci sono altre possibilità a nostra disposizione.

"Il problema con il mondo è che le persone intelligenti sono piene di dubbi mentre gli stupidi sono pieni di fiducia".

-Charles Bukowski-

4. Chiedi aiuto

Le crisi della vita a volte ci riempiono di vergogna e colpa, sentimenti che possono allontanarci dai nostri cari. oranon c'è niente di sbagliato nel riconoscere che non possiamo uscire da soli.Cercare il sostegno degli esseri che amiamo o che attraversano la stessa cosa può darci forza. È ovviamente importante che queste persone siano ottimiste e ci aiutino a pensare o calmare la nostra ansia.

Possiamo anche consultare uno psicologo per avere un'opinione neutrale e non essere giudicati.Un professionista della salute mentale può fornirci uno spazio sicuro per parlare senza paura della nostra situazione e di come ci sentiamo. Inoltre, ci aiuterà a pensare a ciò che ci sta accadendo e a trovare una soluzione.

La chiave è essere consapevoli di una cosa: non è necessario passare attraverso questo da solo. Ci sono inevitabili crisi che fanno parte della vita. Li stiamo incrociando tutti. Altri sono più legati alle relazioni. Sono anche vissuti da molte persone, che possono sentire la stessa cosa come noi.Parlare con gli altri di ciò che sta accadendo può aiutarci a sentirci capiti.

Le crisi non devono essere processi estremamente difficili.Tuttavia, non possiamo ignorarli pensando che se ne andranno da soli.Non sono facili da superare e richiedono tempo. Ma non dobbiamo dimenticare che rappresentano opportunità per ritrovarci e definirci.

"Ho sempre vicino a me sei fedeli amici

È a loro che devo tutto quello che ho imparato

I loro nomi sono Quando, Dove, Cosa, Come e Chi. "

-Rudyard Kipling-

Le crisi ritraggono grandi persone

La parola "crisi" deriva dal verbo greco "krino", che significa "io giudico e scelgo". Questo concetto suggerisce una scelta da parte nostra, o … Per saperne di più "
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: