3 approcci allo studio della personalità

3 approcci allo studio della personalità

La sentenza di Burham quella"tutti sanno cos'è la personalità, ma nessuno può esprimerla con le parole "descrive uno dei maggiori problemi nello studio di questo costrutto psicologico, e se cerchiamo una definizione scientifica di ciò che è, scopriamo che ce n'è quasi uno per ogni autore. come un costrutto che include tratti che influenzano il comportamento degli individui.

Sono emersi diversi problemi metodologici nello studio della personalità. I principali sono la creazione di strumenti in grado di misurarlo e un approccio chiaro come punto di partenza. Discuteremo di seguito i diversi approcci o modelli che sono stati adottati per condurre ricerche in questo settore. Questo è l'approccio internalista, situazionista e interazionista.

L'approccio internalista

Questo approccio teorico include la persona come un determinante attivo e fondamentale del suo comportamento manifesto.La caratteristica principale da studiare sono le variabili personali del soggetto. Pertanto, la cosa importante qui è conoscere i tratti della personalità di ogni individuo.

Questo è un modello personalista. Possiamo quindi dedurre che è anche stabile e coerente. I teorici dell'approccio quindi lo consideranola personalità verrà mantenuta nel tempo e in diverse situazioni. Saremo in grado di prevedere il comportamento futuro di una persona se riusciremo a isolarne le caratteristiche. Molti test che tentano di misurare la personalità o anche le caratteristiche di quest'ultimo, come il Big Five Inventory (BFI), nascono da questo approccio.

Dati gli attuali dati scientifici, questo modello è spesso considerato in qualche modo obsoleto e irrealistico. Scopriamo che le persone cambiano il loro comportamento a seconda del contesto. Non ci comportiamo nello stesso modo quando siamo a casa, al lavoro o con gli amici. Inoltre, cercare di definire la personalità di un soggetto in pochi fattori stabili che predicono un comportamento manifesto è davvero complicato. Dati ottenuti dai test della personalitàmostraci di più sul concetto di sé del soggetto di una vera misura della personalità.

La personalità è qualcosa di troppo complesso. Non può essere riassunto in semplici variabili personali.Abbiamo bisogno di fare uno studio approfondito della personalità per capire veramente la profondità.

L'approccio situazionista

Questo approccio include la persona come soggetto passivo e sensibile al contesto.Ciò che influenzerà la predizione del comportamento saranno le variabili situazionali. I tratti e le qualità di una persona non sono importanti qui. Il più importante è la forza della situazione.

Questo modellosi basa sul presupposto che tutto il comportamento sia appreso.I processi di apprendimento con cui acquisiamo nuovi modi di agire devono quindi essere studiati. È così emerso un approccio stimolo / risposta molto tipico dei paradigmi comportamentali. Il suo sviluppo si basa su una metodologia sperimentale altamente positivista.

Questo approccio è più realistico quando si tratta di riconoscere l'instabilità e la specificità della personalità. È tuttavia troppo riduttivo. Lascia fuori tutte le variabili personali mentre l'atteggiamento di un soggetto influisce ovviamente sul suo comportamento. Tutti gli individui si comporterebbero allo stesso modo nella stessa situazione se non fosse così.

L'approccio interazionista

Il modello interazionista della personalità è nato nel tentativo di combinare le due prospettive precedenti. Per risolvere i loro errori. Comprendiamo da questo paradigma che ilil comportamento è determinato dall'interazione tra le variabili personali del soggetto e le variabili situazionali. Un aspetto importante da capire è che la personalità è il prodotto dell'interazione del soggetto con il suo contesto.

La persona qui è un soggetto attivo cheosservare e costruire il suo mondo attraverso la sua percezione e i suoi modi di agire. L'interazione delle variabili personali con la situazione in cui l'individuo è immerso è ciò che scatena un comportamento o l'altro. Due aspetti, tuttavia, devono essere presi in considerazione:

  • Ci riferiamo ai fattori cognitivi della persona quando parliamo di variabili personali.
  • Ci riferiamo alla percezione individuale del soggetto dal suo contesto quando parliamo della situazione. No alle caratteristiche oggettive di quest'ultimo.

Questo è un modello completo che supera i limiti degli altri due. Il problema dell'approccio interattivo nello studio della personalità è che ci mostra una realtà difficile da esplorare e studiare.Questo perché ci dice che il comportamento è il prodotto di fattori cognitivi inaccessibili e una costruzione del contesto invalicabile. Questo modello rimane molto interessante per lo studio della personalità.


I 5 tipi di personalità secondo Erich Fromm

I tipi di personalità che Erich Fromm ci offre ci permettono di verificare alcune verità universali sui nostri comportamenti. Saperne di più
Like this post? Please share to your friends:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: